Muore durante il trasporto in ambulanza: autopsia scioglierà dubbi sul decesso

L'uomo, un orologiaio leccese di 46 anni, domenica scorsa aveva accusato un improvviso malore, tanto da spingere i familiari a chiedere l’intervento del 118. Ai sanitari i parenti avevano spiegato che l’uomo era in preda ad una crisi convulsa

LECCE – Sarà l’autopsia, con ogni probabilità, a sciogliere i dubbi e il mistero legato alla morte di Antonio de Matteis, orologiaio 46enne di Lecce, morto durante il trasporto in ambulanza all’ospedale “Vito Fazzi”. Nelle prossime ore, infatti, il sostituto procuratore della Repubblica di Lecce, Elsa Valeria Mignone, conferirà al medico legale Alberto Tortorella il compito di eseguire l’esame autoptico sul corpo dell’uomo. Un accertamento utile ad accertare dinamiche e modalità del decesso dell’uomo. La scomparsa del 46enne risale a domenica sera.

De Matteis aveva accusato un improvviso malore, tanto da spingere i familiari a chiedere l’intervento del 118. Ai sanitari i parenti della vittima avevano spiegato che l’uomo era in preda ad una crisi convulsa, pur rimando parzialmente cosciente. Intervenuta sul posto, l’ambulanza aveva provveduto all’immediato trasferimento in ospedale. Una corsa purtroppo inutile, perché l’uomo sarebbe arrivato nel nosocomio salentino già privo di vita. Da lì il magistrato di turno aveva aperto un fascicolo per chiarire le cause di un decesso anomalo, ipotizzando l’omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro, quattro feriti. Ragazzo di 22 anni finisce ricoverato in coma

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • Formaggi venduti per Grana e conservati dal gommista, scatta il sequestro

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento