Nascoste in un locale due pistole con matricola abrasa, 29enne ai domiciliari

Nei guai è finito un incensurato. Le armi sequestrate saranno ora analizzate dagli esperti della balistica alla ricerca di indizi

LECCE – Saranno gli esami degli esperti della balistica a cercare di stabilire la provenienza e l’eventuale utilizzo in episodi criminali delle armi sequestrate ieri all’interno di un locale nel centro di Carmiano.

I carabinieri della locale stazione, con l’ausilio di un’unità del nucleo cinofili di Modugno, hanno eseguito una perquisizione che ha portato al rinvenimento di due pistole con matricola abrasa: un revolver “Smith e Wesson” calibro 45 e 70 proiettili dello stesso calibro; e una semiautomatica “Beretta” calibro 7,65 con 33 proiettili dello stesso calibro.

CONVERSANO MATTEO 1-2In arresto per detenzione illegale di armi clandestine è finito un incensurato e insospettabile di 29 anni, Matteo Conversano, di Porto Cesareo. Il 29enne, assistito dall’avvocato Cosimo D’Agostino, è finito, su disposizione del magistrato di turno, Maria Vallefuoco, agli arresti domiciliari. Per sabato mattina è prevista l’udienza di convalida dell’arresto dinanzi al gip Vincenzo Brancato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

Torna su
LeccePrima è in caricamento