Nascosto nell'auto un fucile a canne mozze rubato, finisce ai domiciliari

Un 36enne di Copertino è stato arrestato dai carabinieri in flagranza di reato per ricettazione e porto illegale di armi alterate

LECCE – Viaggiava nella notte a bordo della sua Peugeot e alla vista di una pattuglia dei carabinieri della stazione di Porto Cesareo, ha provato una fuga tanto inutile quanto disperata. I militari lo hanno bloccato poco dopo, al termine di un breve inseguimento. La perquisizione dell’autovettura ha subito chiarito i motivi della fuga. L’uomo nascondeva un fucile sovrapposto marca “Franchi” calibro 12, con canne tagliate e calcio modificato, cinque cartucce e un coltello con lama in acciaio lunga 17 ANTONAZZO ALESSANDRO.-2centimetri. Dalle indagini è emerso che l’arma era stata rubata nel 2007 a Novoli.

Alessandro Antonazzo, 36enne di Copertino già noto alle forze di polizia, è stato arrestato in flagranza di reato per ricettazione e porto illegale di armi alterate e condotto agli arresti domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento