Nascosto nell'auto un fucile a canne mozze rubato, per lui pena concordata

Un 36enne di Copertino ha patteggiato una condanna a un anno e otto mesi per ricettazione e porto illegale di armi alterate, con pena sospesa

L'arma sequestrata.

LECCE – Viaggiava nella notte a bordo della sua Peugeot e alla vista di una pattuglia dei carabinieri della stazione di Porto Cesareo, provò una fuga tanto inutile quanto disperata. I militari lo bloccarono poco dopo, al termine di un breve inseguimento. La perquisizione dell’autovettura chiarì subito i motivi della fuga. L’uomo nascondeva un fucile sovrapposto marca “Franchi” calibro 12, con canne tagliate e calcio modificato, e cinque cartucce. Dalle indagini è poi emerso che l’arma era stata rubata nel 2007 a Carmiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Antonazzo, 36enne di Copertino, era stato arrestato in flagranza di reato lo scorso 28 marzo per ricettazione e porto illegale di armi alterate e condotto agli arresti domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria. Per questo episodio il 36enne, assistito dall’avvocato Daniele Scala, ha patteggiato una condanna a un anno e otto mesi, con pena sospesa. Dopo la sentenza è tornato in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

Torna su
LeccePrima è in caricamento