Nei negozi in centro per rubare: beccate due 20enni

Lei 22 anni, di Taranto, l'altra 20enne, di Ceglie Messapica, sono state sorprese ieri mattina a rubare capi di abbigliamento, il cui valore ammonta a circa 500 euro, nei negozi del centro di Lecce

Proprio perché si trattava di ragazze ancora incensurate ognuna di loro se la caverà con una denuncia ma da ora in poi dovranno farsi passare la voglia di rubare capi di abbigliamento dagli scaffali dei negozi più rinomati che si trovano in pieno centro. Una ragazza di 22 anni, di Taranto, l'altra ventenne di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, sono state infatti sorprese ieri mattina dagli agenti della volanti a rubare capi di abbigliamento, il cui valore ammonta a circa 500 euro. Una bella spesa insomma che in tutto aveva fruttato loro 16 capi ancora con tanto etichetta.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti hanno poi potuto accertare la provenienza della merce provento del furto contattando tre di noti punti vendita di piazza Mazzini. Dall'indagine è emerso che proprio ai danni di uno di questi negozi lo scorso 5 maggio era stato perpetrato un furto analogo a quello compiuto dalle due ragazze ieri mattina, ruberia che aveva avuto appunto le stesse modalità. A seguito di ulteriori perquisizioni a carico delle due giovani, gli agenti hanno recuperato altri quattro capi d'abbigliamento che erano stati trafugati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento