homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Nessun abuso nelle concessioni al "Coco Jambo", assolti l'ex sindaco e il suo vice

Nessun illecito e nessun abuso nelle concessioni relative al locale "Coco Jambo". Si è conclusa con un'assoluzione piena, perché il fatto non sussiste, la vicenda giudiziaria dell'ex sindaco di Nardò, Antonio Vaglio, e dell'ex vice sindaco, Salvatore De Vitis. I due erano finiti a giudizio con l'accusa di abuso d'ufficio

LECCE – Nessun illecito e nessun abuso nelle concessioni relative al locale “Coco Jambo”. Si è conclusa con un’assoluzione piena, perché il fatto non sussiste, la vicenda giudiziaria dell'ex sindaco di Nardò, Antonio Vaglio, e dell'ex vice sindaco, Salvatore De Vitis. I due erano finiti a giudizio con l’accusa di abuso d'ufficio per le autorizzazioni concesse al Coco Jambo, noto locale in località “Vacanze serene”, nelle vicinanze di Santa Caterina, marina di Nardò. Nell’ambito dello stesso procedimento l’ennesimo avviso di garanzia, per disturbo alla quiete e riposo delle persone, in concorso tra loro e con il vincolo della continuazione, era stato notificato ai titolari del locale, una coppia di coniugi di Galatone. Procedimenti poi archiviati.

I fatti contestati facevano riferimento all’estate del 2012 quando, durante una serata clou, proprio nel giorno di Ferragosto, furono imposti i sigilli alle apparecchiature sonore, salvo poi, alcuni giorni dopo, giungere il dissequestro perché si provò come il locale avesse ottenuto in precedenza le autorizzazioni. 

Erano stati diversi abitanti della zona, con una serie di esposti, a far scattare l’inchiesta, condotta dagli agenti di polizia del commissariato neretino. Gli affittuari e proprietari di residenze estive della zona, infatti, lamentarono in più occasioni l’impossibilità di riposare, per via della musica a volume alto, e nelle ore più disparate della giornata. Nell’inchiesta della Procura si evidenziava che, attraverso una serie di licenze, era stata favorita l'attività, procurando un ingiusto vantaggio proprio ai titolari.

Ipotesi confutate dal collegio difensivo degli imputati, assistiti dagli avvocati Giuseppe e Michele Bonsegna, che hanno dimostrato l’assoluta correttezza dell’operato e dell’iter condotto dagli amministratori pubblici.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Adesso servirebbe una piccola indagine, per capire chi ha denunciato, chi ha mandato avanti l'inchiesta, e far pagare i danni subiti dai titolari, che dal momento in qui hanno aperto la struttura non hanno avuto altro che guai e denunce di ogni genere, sino all'attuale epilogo, la chiusura.

  • dovrebbe essere contemplato anche il reato di... abuso di giustizia. Certe volte peggio della Santa Inquisizione

  • I commenti scarseggiano ora. Ora voglio sapere chi paga i danni per le serate perse. Oltre ai costi processuali.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La casa a "luci rosse"? Affittata alle prostitute da magistrato e moglie

  • WeekEnd

    Mostre, concerti e manifestazioni. Inizia il primo week end di luglio

  • Cronaca

    Presunte mancate cure sull'anziano deceduto: la famiglia chiede la verità

  • Incidenti stradali

    Tamponamento sulla tangenziale ovest: auto distrutte, due in ospedale

I più letti della settimana

  • Yacht finisce in fiamme a 2 miglia da Otranto, salvati i tre a bordo

  • Violento tamponamento, intera famiglia in ospedale: bimbo di 2 anni in Rianimazione

  • Schianto in curva contro il muretto a secco: grave una 24enne

  • Tragedia nella pineta di Orte, 43enne trovata impiccata ad un albero

  • La "spaccata" fallisce, inseguimento di notte a 200 chilometri orari

  • Stabilimenti abusivi sullo Ionio: sequestrati 52 ombrelloni, ristoratori nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento