Giuseppe Simone ha.. un Grillo per la testa e si filma in cabina. Denunciato

Il popolare 40enne di Neviano, diventato fenomeno di culto fra gli utenti della Rete per i suoi video trash e virali con oggetto la ricerca di donne procaci e disponbili, ora passa i guai: s'è filmato nella cabina elettorale mentre esprime il voto. Deferito alla Procura per la violazione di due norme

Da Youtube.

NEVIANO – L’indice sulla bocca per mimare il silenzio (“shhh, è un segreto”, sembra voler dire, salvo poi contraddirsi apertamente, esibendo il filmato urbi et orbi), la videocamera del terminale puntata sulla scheda, la smania di autocelebrazione più forte del buonsenso. Tanto che questa volta Giuseppe Simone, 40enne di Neviano, passerà qualche guaio con la giustizia.

Il suo volto è diventato celebre al cospetto del popolo della Rete grazie ai suoi surreali video che hanno contagiato Youtube, social network e sistemi di messaggistica per dispositivi mobili. Filmati di diversi minuti in cui, con toni filosofico-misogini, impartisce (non si capisce bene mai se tra il serio o il faceto) improbabili lezioni incentrate sulla conquista di donne le cui qualità devono necessariamente essere procacità e disponibilità.

Il gentil sesso (che lui forse definirebbe in altro modo…), però, questa volta non c’entra davvero niente. Questa volta Simone deve aver avuto letteralmente un altro… Grillo per la testa. Tanto da immortalarsi con il suo fedele cellulare all’interno della cabina elettorale, mentre indica la preferenza: Movimento 5 Stelle.

L’aver postato quel video sui canali web gli è costato una denuncia a piede libero da parte dei carabinieri della stazione di Neviano, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli, per aver violato due precise norme in occasione, appunto, delle ultime consultazioni elettorali.

E’ stata la segnalazione di un cittadino ai militari a far partire un’indagine durata – per la verità- l’arco di poche ore. Il “reo”, infatti, è talmente noto che identificarlo è stato un gioco.

Con quest’atto, al 40enne di Neviano, che gestisce una pagina significativamente ribattezzata "La bottega del trash", sono state contestate la violazione risalente al 1975, riguardante il divieto di propaganda elettorale nella giornata delle votazioni e la seconda, entrata in vigore nel 2008, che vieta la possibilità di condurre apparecchi elettronici all’interno dei seggi elettorali.

E nonostante precedenti (e persino molto recenti) episodi costati deferimenti a temerari elettori, nonostante i cittadini siano stati più volte messi al corrente negli anni delle rigorose normative, Simone era probabilmente all’oscuro della loro esistenza. Ma tant’è: la legge non ammette l’ignoranza. Una cosa però è certa: ne guadagnerà in ulteriore popolarità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (21)

  • Sono d'accordo sul pensiero di Manuela che nel '39 e fu riproposto dopo la caduta del fascismo. Comunque, autofilmarsi in una cabina elettorale è da denuncia.

  • Avatar anonimo di Ivo
    Ivo

    Costui ha già esagerato coi suoi stupidi video, poi coi manifesti, adesso la sta facendo davvero fuori il vasino! Questo va fermato al più presto prima che combini danni seri per la società.

  • per me va cambiata la legge. non vedo alcun reato nel filmare il proprio voto... che male c'e' ? che e' un omicidio alla segretezza? Il codice penale e' pieno di incongruenze...e questa e' una di esse.... da rivedere!

  • I miei complimenti a Manuela per i suoi articoli veramente carini e simpatici. Se vuole mi può rispondere.

  • Avatar anonimo di Carlo Brancaleone
    Carlo Brancaleone

    Tipico elettore grillino!

  • in carcere e buttate le chiavi... scherzo naturalmente (io)

  • Concordo, guadagnerà in popolarità; Del resto ad un elemento del genere una denuncia gli fa il solletico. Magari, dato il suo bang mediatico, troverà collocazione migliore nel movimento da egli tanto amato. Sarebbe il colmo se dovessero passare i guai i componenti del seggio elettorale a meno che non avessero l'obbligo di perquisire ogni votante. Probabilmente sarebbe giusto lasciare piena libertà al cittadino di decidere se secretare o meno il proprio voto e lasciare la facoltà di portare telefonini all'interno del seggio ed in quanto al divieto di propaganda elettorale nell'ultimo giorno credo sia ormai anacronistica tale disposizione. Comunque sia è chiaro che lo show man ha violato le leggi ed a lui andranno le croci e le delizie dei prossimi tempi. Si dice che già molte emittenti tv e radiofoniche se lo stiano contendendo e che già siano in stampa le magliette con la foto qui riportata. C'è anche chi dice che Simone con il dito a zittire diventerà il nuovo simbolo del M5S. E' l'epopea del trash :(

    • Geniale! PROPRIO GENIALE! Il voto è segreto per un motivo piuttosto ovvio, hai mai sentito parlare di "voto di scambio"? Se uno può provare per chi ha votato, può essere facilmente pagato o costretto in altri modi ad esprimere una preferenza pilotata.

      • Jacopo ortis No no, non ho mai sentito parlare di niente, vivo sulla luna. Per fortuna ho incontrato qui te, essere dall'intelligenza superiore e dotato di modi educati e civili. Ti dispiacerebbe non commentare i miei commenti bensì la notizia. Grazie

    • Lasciare questa libertà al singolo cittadino significherebbe la morte della democrazia e del libero voto.

      • Pur non concordando sul modus agendii e sulle buffonate mediatiche di Grillo, pur non apprezzando le spavalderie gratuite e le manifestazioni di maleducazione dei suoi "poltronissimi" e dei suoi stetti seguaci, pur non riponendo fiducia nel suo modus operandi mi pare chiaro che esponendomi nel giudizio riferito all'abolizione della secretazione del voto mi avvicino ad uno dei suoi propositi. Ciò non mi crea turbamenti in quanto da liberale cerco di valutare i propositi altrui e di esprimere giudizio favorevole al mio e non amo criticare per "partito preso" o per "tifoseria" Del resto il voto segreto, abolito nel 39, fu riproposto proprio con la caduta del fascismo. Credo che molto ci sarebbe oggi da prendere come spunto dal fascismo. Molte colpe (naturalmente secondo chi ha scritto le pagine di storia successivamente alla caduta del fascismo) ma molti onori ancora visibili e tangibili nelle grandi opere di urbanizzazione e di miglioramento della vita sociale. Basta dare uno sguardo alle opere sociali e sanitarie, architettoniche e di infrastrutture, politiche e diplomatiche, sportive e culturali, espansionistiche e di utilità varia (invito a cliccare su le 100 opere più importanti del fascismo) Credo che chiunque leggendo e poi riscontrandole poiché ancor oggi esistenti ed attive dovrebbe riflettere sul quanto sarebbe possibile fare in un "solo" ventennio. Non concordo pienamente sul fatto che il voto segreto possa essere garanzia di democrazia; Ho le mie perplessità in quanto si darebbe più impronta al carattere soggettivo esternandolo alla collettività. Probabilmente un voto che assumerebbe un maggior carattere di coscienza e di responsabilità. Ma siam qui a "sparar" inutili pensieri, dico inutili con riferimento alla impercettibile valenza che possono avere.

        • Avatar anonimo di Carlo Brancaleone
          Carlo Brancaleone

          Che sostanza assumi per partorire tutto ciò?

  • Ho fatto il presidente di seggio elettorale per parecchi anni e me ne sono capitate di tutti i colori, tanto da poter scrivere una esilarante commedia. Non credo che la colpa sia dei componenti del seggio perchè non hanno il potere di perquisire l'elettore, a meno che non gli squilli il cellulare mentre è in cabina....in quel caso scatta la denuncia e l'intervento immediato delle forze dell'ordine.

    • Non ho detto che devono perquisire chi si reca alle urne, ma se rammentassero o informassero gli elettori che è vietato introdurre certi congegni nella cabina elettorale, non andrebbero di certo a casa sudati! La risposta che hanno dato a me, poi la dice lunga sulle conoscenze di certe norme da parte dei componenti i seggi elettorali!!!

  • Secondo me, c'è della responsabilità anche dei componenti il seggio elettorale. E' specificato che è vietato introdurre nella cabina elettorale cellulari e/o fotocamere ed i componenti il seggio devono vigilare in tal senso. Quando sono andato a votare, ho espressamente chiesto al presidente del seggio se dovessi lasciare il cellulare sul banchetto e mi ha risposto che non era importante, mentre invece credo che loro DOVREBBERO chiedere a tutti se hanno cellulari e/o fotocamere e farseli consegnare temporaneamente!!! Ok, il tipo di Neviano sarà pure "tarato", ma altri lo "aiutano" volentieri!

    • Sicuramente è vietato introdurre nelle cabine telefonini e fotocamere, e questo è scritto su un cartello proprio all'ingresso della cabina. Quindi non credo che la responsabilità sia dei componenti del seggio.

  • Avatar anonimo di Ivo
    Ivo

    E ora attendo con ansia il suo arresto!

  • La cosa che preoccupa è che questo individuo possa ancora recarsi a votare.. Quanti ce ne saranno come lui? Questo lo conosciamo perché pubblica i suoi interventi su stupidi sul web, ma quante persone hanno il diritto di voto pur non sapendo come esprimere una preferenza? Il bello e il brutto della tanto decantata democrazia

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Coppia si ritrova due banditi armati in casa, terrore in pieno centro

  • Cronaca

    Un pugno in volto, cade e batte la testa: è in coma e non si sa chi sia

  • Incidenti stradali

    Ferita infetta e insufficienza respiratoria: dopo autopsia sulla 42enne la salma ai parenti

  • Sport

    Lecce, tutto in novanta minuti: l'ostacolo Samb verso i quarti di finale

I più letti della settimana

  • Madre e figlio investiti mentre si recano a scuola: non ce l’ha fatta la 42enne

  • Carabinieri intervengono per donna in escandescenza, ma trovano marito con droga

  • Scoppiano le gomme, camion si rovescia e perde il carico di materiale edile

  • Finisce con l’auto nel canale del bacino: resta illesa la conducente

  • Getta 19 dosi di cocaina nel wc, ma i carabinieri chiudono valvola della fogna: arrestato

  • Auto si ribalta su viale dell'Università, il conducente rifiuta l'alcol test

Torna su
LeccePrima è in caricamento