Presidio No Tap davanti alla sede della guardia costiera con materassino e paletta

Dopo l'ordinanza emanata giovedì, nel mare di San Foca si attende l'arrivo della Adhemar de Saint Venant al momento ferma nel porto di Brindisi

Una foto della manifestazione.

OTRANTO - Una rappresentanza del Movimento No Tap insieme ad alcuni amministratori di Melendugno, tra cui il Marco Potì, ha effettuato un sit-in davanti alla sede della guardia costiera, a Otranto. 

L'iniziativa fa seguito all'ordinanza, firmata dal locale ufficio circondariale marittimo, che interdice fino alla fine di dicembre alla navigazione, alla pesca e alla balneazione, un tratto di mare sul litorale nord di San Foca, sito individuato per l'approdo del gasdotto Tap. La realizzazione dell'opera è contestata dalla giunta di Melendugno, sostenuta da altri enti locali della zona, e da buona parte delle comunità locale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il presidio sono stati sistemati per terra materassini, palette, secchielli - oltre agli striscioni delle varie anime del movimento - a testimoniare la violazione della normalità su quel pezzo di costa melendugnese. L'ordinanza è stata emanata in previsione dell'arrivo della nave Adhemar de Saint Venant che ha il compito di fissare sul fondale marino le palancole per sostenere il gasdotto. La nave si trova nel porto di Brindisi in attesa di ulteriori istruzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

  • Incendiano l’auto di un 33enne: ma le videocamere immortalano la scena

  • Il passo del contagio ancora lento, ma in provincia di Lecce tre decessi

Torna su
LeccePrima è in caricamento