La cocaina? Per il professionista arriva direttamente a domicilio

A Nociglia i carabinieri hanno fermato due giovani di Torchiarolo. Avevano appena incassato 2mila e 200 euro e in casa dell'uomo da cui si erano recati sono stati trovati 30 grammi di sostanza divisa in quattro involucri

NOCIGLIA – La cocaina? Direttamente a domicilio. Come per la pizza d’asporto. Ognuno ha la sua pizzeria preferita e il gusto che più gli aggrada: margherita, diavola, ai quattro formaggi, capricciosa. Solo che i pusher, Emiliano Turco, disoccupato, e Fernando Grassi, operaio, entrambi 29enni di Torchiarolo, non avevano fatto i conti con i carabinieri di Nociglia. Anche loro capricciosi, quando li hanno visti arrivare in zona.  

Nel piccolo paese a sud di Maglie i loro volti non erano certo conosciuti. E quando un volto non è conosciuto, come nei fumetti, sulle teste semba comparire un bel punto interrogativo. Diventato esclamativo poco dopo, quando sono spuntati soldi e droga. Di certo, i movimenti dei due hanno insospettito non poco il comandante della stazione e i suoi uomini. Chiamati tutti quanti a vederci un po' più chiaro.

GRASSI Fernando-2I due, che poi si sarebbe scoperto essere già noti, e sempre per stupefacenti, verso le 16,30 di ieri sono arrivati a bordo di una Volkswagen Golf nera. E hanno fatto ingresso nell’abitazione di un libero professionista locale. Anche questo, dettaglio non sfuggito. Appena usciti da quella casa, così, i due giovani della provincia di Brindisi si sono ritrovati accerchiati dai carabinieri. I quali, visti i precedenti specifici, hanno deciso di perquisirli.

TURCO Emiliano-2Per prima cosa, è spuntato il denaro. Tanto denaro. Circa 2mila e 200 euro, in contanti. Sono parsi un po’ troppi, per andare a spasso e ache per aver venduto pizze. La sensazione era che li avessero incassati con qualcosa di più costoso. E così, i carabinieri hanno deciso di fare capolino anche in casa del professionista. Qui sono stati trovati circa 30 grammi di cocaina, suddivisi in quattro involucri. A quanto pare, sostanza appena acquistata proprio dai due. Così, almeno, s’è giustificato l’uomo, che davanti ai carabinieri avrebbe confermato di averla comprata pochi attimi prima da Turco e Grassi.

Per i due inevitabili sono scattate le manette. L’accusa è di spaccio di cocaina. Su disposizione del pm di turno, Carmen Ruggiero, sono stati condotti nel carcere di Lecce. Al vaglio, invece, in queste ore, la posizione del professionista.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (18)

  • Speedyfly, io mi soffermarei tutt al più sul reato commesso e su quelli sventati. L' agricoltura ha bisogno di braccia forti, certa gente dovrebbe addentrarvisi piuttosto che delinquere

  • Ciò che ho letto è inquietante. Al di la' del reato sia di chi lo ha commesso e di chi ne fa uso, fa riflettere molto come mai due persone che potrebbero essere chiunque  vengano sorvegliate, pur, inizialmente, non sapendo chi fossero  (non mi consta che Nociglia abbia piu' carabinieri che abitanti). Ma sopratutto  venissero " accerchiate dai carabinieri appena uscite dall'edificio del professionista". Due sono le possibilità: 1° o viviamo in uno stato di polizia dove tutti siamo sorvegliati anche nei minimi movimenti, il che fa riflettere e non poco, 2° c'era in atto la soffiata ed erano attesi con la certezza assoluta che avrebbero commesso il reato... e spero molto che la seconda ipotesi sia più veritiera, anche se è illusorio che noi si viva in uno stato di diritto e democratico.

    • Cetro signor "scienziato", molto meglio intervenire dopo che sia stato commesso il crimine, vero? Ben vengano queste "sorveglianze speciali" se sono mirate alla prevenzione di reati. Chi non ha nulla da nascondere non dovrebbe preoccuparsi di avere carabinieri o telecamere nelle vicinanze, anzi.

      • Solo 2 osservazioni 1° nella nostra grammatica , molto meglio non si dice, la parola meglio è gia' un superlativo .2° I cittadini onesti non hanno bisogno di essere sorvegliati se ne lede la loro dignita' , ma dal suo commento penso che la dignita' a Lei è sconosciuta. C'è un terzo punto...... "scienziato" ...si forse lo sono.... molti progetti tecnici sono miei, ma meglio scienziato che galleggiare nella completa ignoranza e ineducazione!!!

        • Si, forse nella grammatica "gallipolina" non si potrà dire "molto meglio", in quella italiana certamente si. Continui a fare i suoi progetti tecnici, che in fatto di lingua italiana ha delle lacune incolmabili.

  • 30gr non sono sicuramente per uso personale....avrei voluto vedere anche la foto del professionista,ma in Italia pagano sempre i pesci piccoli....sicuramente quel quantitativo serviva a soddisfare altri professionisti se cosí si possono chiamare.Professionisti Tossicodipendenti.

    • L'uso personale non lo decidi ne tu ne i carabinieri, al massimo li stabilirà il giudice. I quantitativi per uso personale possono variare altrimenti Lapo ed i suoi amici starebbero tutti al fresco. Dipende anche dalle possibilità economiche.

  • Anche se oramai saranno pochi a nn volere la vacanza sulle nevi..

  • Bello schifo è!! L i xsonaggi d seria A niente nomi e foto il reato nome cognome dove abitavano foto ..... Che schifezza

    • Chi fa uso non commette nessun reato quindi perché foto e nomi?

  • ah...gia!! il nome dei spacciatori si....del professionista "tossicodipendente"no!!! Cosi la gente si potra continuare a fidare di lui!!

    • Perché dovrebbero mettere il nome dell'utilizzatore? Non commette reato se è per uso personale. Poi libero professionista significa tante cose... potrebbe benissimo essere un avvocato e comunque gli sarà fatta la segnalazione alla prefettura e sarà indirizzato ai servizi sociali o al sert.

      • Anche al sert? Cosi' il metadone glielo paghiamo noi? Se ha il vizio del "pippare" meglio che sborsi lui i soldi!

      • C'È gente che per uno spinello si è visto foto nome e cognome, 30 grammi non sono pochi, professionista oppure no, tanto chi è del paese sa di chi si tratta, è. Inutile che cerchi di difendere

  • Come mai il professionista in possesso di 30gr di cocaina non é stato arrestato,non credo che siano per uso personale.

    • A parte che io -per come si legge nell'articolo- avrei arrestato il "professionista". I due presunti spacciatori all'atto del controllo era puliti e privi di ogni sostanza. Riguardo ai soldi, con tutti i miei risparmi ci posso girare anche in costume da bagno!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Posso scattarti delle foto? Ma è solo una scusa per molestarla. Arrestato

  • Cronaca

    Galleria Condò, Anas preme per terminare i lavori prima di agosto

  • Cronaca

    Rapinatore nel centro scommesse, in fuga con 3mila 500 euro

  • Cronaca

    Fermati con ordigni esplosivi modificati con chiodi, due restano in carcere

I più letti della settimana

  • Colpito in pieno in bicicletta da un'auto, in ospedale in codice rosso

  • Seguono le tracce lasciate dai ladri e trovano la refurtiva per 30mila euro

  • A spasso in auto nella 167 con una pistola nella cinta: bloccato 28enne

  • Falsi incidenti, sei indagati dopo segnalazione di compagnie assicurative

  • Agguato ai baresi, indagini in corso. Dimesso il tifoso ferito

  • In giro con i fari posteriori spenti, nel portabagagli oltre due chili di eroina

Torna su
LeccePrima è in caricamento