Caso Ciullo, per il perito grafologo della famiglia: “La scrittura di Ivan imitata”

È stato depositato nelle ultime ore l’esito dell’accertamento eseguito da Maurizio D’Adamo, incaricato dai famigliari del dj radiofonico, trovato senza vita nel giugno del 2015. La Procura si ritrova ora con due consulenze dai responsi opposti

Il dj radiofonico Ivan Ciullo.

LECCE – Una nuova perizia grafologica è stata eseguita, nelle ultime ore, sulla busta che conteneva il biglietto presumibilmente indirizzato da Ivan Ciullo “per mamma e Sergio”. Dopo quella effettuata, giorni addietro, dai consulenti nominati dal pm titolare del fascicolo d’indagine, Maria Vallefuoco, dalla quale era emerso che la scrittura era effettivamente quella del dj radiofonico trovato morto il 22 giugno del 2015, in giornata sono state depositate nuove “verità”.

Per il consulente di fama nazionale nominato dai famigliari di Ivan, Maurizio D’Adamo, infatti, la dicitura impressa a penna sulla busta - quella che conteneva un biglietto scritto al computer-  sarebbe stata imitata. Non si tratterebbe dunque di quella di Ivan. Ora la Procura della Repubblica di Lecce ha due perizie che delineano, di fatto, scenari completamente opposti. Come ha rimarcato Walter Biscotti, il legale dei famigliari di Ivan - il ragazzo trovato senza vita nelle campagne di Acquarica del Capo, impiccato a un albero di olivo - le indagini cominceranno nuovamente da questi ultimi esiti.

Precedenti riscontri informatici, già arrivati sulle scrivanie della procura del capoluogo salentino, hanno evidenziato dei dati rilevanti: il telefono di Ivan, all’ora dell’accertamento della sua morte, non avrebbe agganciato le celle del luogo del ritrovamento, quindi in campagna. Bensì quelle di Taurisano. La perizia conclusa nelle ultime ore apre dunque a nuovi scenari investigativi: la procura si ritrova con due consulenze dagli esiti diversi. Dovrà pertanto chiarire eventuali contatti prima del momento della morte tra il dj e ignoti. E fare luce, soprattutto, su chi avrebbe imitato la grafia di Ivan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento