Nuove "fasce di rispetto", dissequestrato uno stabilimento a Porto Cesareo

Soddisfazione di Federbalneari: “Un lieto fine possibile grazie alla collaborazione proficua tra gli operatori del settore e politica”

LECCE – E’ stato dissequestrato lo stabilimento balneare “La spiaggia del conte” di Punta Prosciutto a Porto Cesareo della società La Duna s.r.l., al quale erano stati apposti i sigilli sulla base di una lettura restrittiva dei limiti alle fasce di rispetto. Si tratta dei primi effetti della legge regionale modificata su proposta di Federbalneari.

L’art. 14 vieta, a tutela della costa, il rilascio di concessioni demaniali “nelle aree e nelle fasce di rispetto di foci, corsi d’acqua, zone a rischio di erosione in prossimità di falesie, zone archeologiche e cordoni dunali e di macchia mediterranea”. Proprio l’inclusione delle fasce di rispetto – identificate di volta in volta dal Piano paesaggistico territoriale della Regione ha creato negli ultimi anni un meccanismo di interpretazioni diverse che ha portato ad una serie di inchieste della magistratura chiusesi con i sequestri di alcuni lidi e, nei casi più gravi, con l’iscrizione sul registro degli indagati di alcuni dirigenti comunali. Complesso è infatti l’iter di approvazione delle concessioni – nuove e rinnovate – a fronte del fatto che la nostra regione è caratterizzata per la sua quasi totalità da cordoni dunali e macchia mediterranea, e che la fascia di rispetto identificata nel Piano paesaggistico regionale spesso ricade addirittura fino al mare.

Lo scorso agosto l’assise regionale ha approvato l’interpretazione autentica della norma, spiegando come “nelle more dell’adozione del Piano comunale delle coste, l’ampiezza della fascia di rispetto è da intendersi determinata dai comuni, in sede di istruttoria delle istanze di concessione demaniale, in ragione della concedibilità dell’area come determinata in sede di Piano regionale delle coste e tenuto conto delle specifiche caratteristiche geomorfologiche del territorio interessato”.

“Un lieto fine che è stato possibile grazie alla collaborazione proficua tra gli operatori del settore e la politica”, dichiara Mauro Della Valle, presidente di Federbalneari. “Una vittoria di tutti resa possibile dalla volontà dell’assise regionale di comprendere e andare incontro alle istanze di un mondo imprenditoriale che, in questo settore, crea economia e occupazione. È la dimostrazione che insieme si può raggiungere l’obiettivo comune di difendere e tutelare il nostro patrimonio naturalistico del quale chi opera nel turismo ha tutto l’interesse di farsene garante”.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

Torna su
LeccePrima è in caricamento