Maxi blitz anti droga “Short message”: carcere per altri due individui

Un 56enne, irreperibile all’alba di lunedì, quando è scattata l’operazione, si è consegnato spontaneamente. L’altro, già ai domiciliari, trasferito a Borgo San Nicola perché trovato con stupefacente in casa

Il blitz giorni addietro.

SPECCHIA – Altri due arresti nell’ambito del blitz anti droga dei carabinieri denominato “Short message”. I militari della stazione di Specchia hanno infatti fermato i due individui che mancavano all’appello nel giorno dell’operazione, all’alba di lunedì scorso, condotta in diversi comuni del Salento e nelle province di Brindisi e Bari. Il primo è Francesco De Domenico, 56enne che, la notte delle altre 41 misure cautelari, si era reso irreperibile.

DE FRANCESCO-2L’uomo ha fatto rientro dalla Romania, dove si trovava provvisoriamente, e si è consegnato spontaneamente ai carabinieri della compagnia di Tricase. Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato accompagnato presso la il carcere di Lecce. Sorte analoga per Massimiliano Petracca, 40enne, sottoposto alla misura dei domiciliari quando è scattato il blitz dell’Arma. L’Ufficio di sorveglianza del tribunale di Lecce ha infatti emesso il nuovo provvedimento restrittivo nei confronti del 40enne.

PETRACCA-3Misura disposta poiché, durante l’esecuzione delle misure cautelari la notte del 26 novembre, nel corso della perquisizione dell’abitazione di Petracca  erano stati rinvenuti  nella sua disponibilità circa 60 grammi di hashish e altrettanti  di marijuana. Anche per lui si sono aperte le porte del carcere di Borgo San Nicola. Nel corso delle indagini condotte dai militari di Specchia e Tricase, è emersa l'esistenza di due, distinte associazioni, nelle mani delle quali veniva gestito lo spaccio in un paio di aree del basso Salento: quella di Taurisano e Corsano e, l'altra, di Tiggiano e Tricase.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Pene severissime a questi spacciatori e mafiosi, diamo l'esempio !!!

    • Erano propensi a dargli una bacchettata sulle mani e dopo una ramanzina lasciarli andare liberi, ma dopo il tuo messaggio hanno deciso di seguire il tuo consiglio...

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento