Oche e anatre sul lungomare di Porto Cesareo: trasportate in masseria

Intervento delle guardie zoofile in via Albano su disposizione dell'amministrazione comunale. Trasferite con l'ambulanza veterinaria

PORTO CESAREO – Quattro anatre mute e quattro oche del Campidoglio sono state trasportate dallo specchio d’acqua antistante via Albano, a Porto Cesareo, presso Masseria Grande (che si trova vicino la pista di collaudo) grazie all’intervento del nucleo di guardie zoofile di Aeop di Nardò, insieme a carabinieri e agenti di polizia locale.

L’amministrazione comunale, interessata dalla Lega Italiana per la protezione degli uccelli, ha disposto lo spostamento, una volta interpellato il Servizio veterinario della Asl di Lecce. Il recupero di questi esemplari, se di natura domestica, può essere fatto solo da personale abilitato mentre quelli di origine selvatica non possono essere toccati.

E non è la prima volta che si rende necessario un intervento, perché anche in passato, da ultimo questa estate, oche e anatre si erano insediate sulla Riviera di Levante, suscitando la curiosità di turisti e residenti ma anche qualche preoccupazione di carattere igienico-sanitario. Gli otto semplari sono stati trasportati sabato scorso con l’ambulanza veterinaria e ora si trovano in un ampio terreno, separati dagli altri animali presenti nella masseria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento