Omicidio di Noemi, la perizia psichiatrica: capace di intendere e di volere

I risultati della consulenza disposta dal gip del Tribunale per i minorenni nei confronti del 17enne accusato dell'omicidio della ragazza di Specchia

LECCE – Capace di intendere e di volere al momento dei fatti. E’ questo l’esito della perizia psichiatrica disposta nei confronti del 17enne di Montesardo accusato dell’omicidio di Noemi Durini, la 16enne di Specchia assassinata e ritrovata nelle campagne di Castrignano del Capo a distanza di dieci giorni dalla scomparsa. A stabilirlo i due consulenti nominati dal gip del Tribunale per i minorenni, Ada Colluto: Alessandro Zafferano e Maria Grazia Felline, cui si sono affiancati i periti nominati dalla Procura, la psichiatra Mariangela Pascali e la psicologa Michela Francia. Anche i legali del 17enne, gli avvocati Luigi Rella e Paolo Pepe, hanno nominato un loro consulente. I risultati delle perizie e della capacità di stare in giudizio saranno discussi in sede di incidente probatorio il mese prossimo.

Nel decreto di fermo il sostituto procuratore della Repubblica Anna Carbonara ha contestato l’omicidio premeditato, per aver provocato “la morte di Noemi prelevandola alle 4.51 dalla sua abitazione con la Fiat 500 di proprietà della sua famiglia e conducendola in aperta campagna colpendola con l’uso di corpi contundenti; con le aggravanti di aver commesso il fatto con premeditazione, per motivi abietti o futili e di aver agito con crudeltà”.

Il 17enne ha dichiarato “di essersi immesso lungo uno strada che lo conduceva verso il centro abitato di Castrignano del Capo ma prima di arrivarvi, svoltava a sinistra lungo una strada sterrata. Qui dichiarava di essersi parcheggiato e, con la scusa che si sarebbero fumati una sigaretta, scendeva dall’auto insieme a Noemi con la quale si addentrava in un uliveto dove poi, approfittando di un momento propizio, colpendola con un coltello al collo, continuando a colpirla con delle pietre alla testa”. Poi si sarebbe allontanato “dal luogo dei fatti repentinamente con la propria autovettura disfacendosi del manico del coltello avvolto nella propria maglietta in un luogo che non ha saputo indicare”. Il giovane assassino è attualmente detenuto nel carcere minorile di Cagliari con l’accusa di omicidio premeditato.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Lo avrà e prima o poi esce ed è meglio per lui che cambia nazione

  • E giustissimo che paghi per il crimine che a commesso a 17 anni non dovrebbe avere neanche la faccia di guardare la gente in faccia

  • Sig. Goffredo legga bene l'articolo dice che il 17enne ERA CAPACE DI INTENDERE E VOLERE quindi per lui adesso si apriranno le porte del tribunale e sicuramente verrà condannato, ma vista l'eta non penso prorpio che farà l'ergastolo anche se alla fine come giustamente lei afferma lo meriterebbe

    • Scusate redazione avevo scritto bene incapace di intendere e volere un corno

    • Si vero ho sbagliato io capace di intendere e volere giusto

    • Ma è ciò che ho detto io

  • ERGASTOLO e isolamento x sempre, solo cosi' diventera' pazzo, e non sara' in grado di intendere e di volere,come stanno diventando pazzi i genitori di quella povera ragazza.

  • Omicidio premeditato crudele e per futili motivi.Indole violenta.Incapace di intendere e volere un corno.Non so se per un minorenne la pubblica accusa può chiedere l'ergastolo perché costui lo meriterebbe eccome.

Notizie di oggi

  • settimana

    Tragico incidente sul lavoro: muore un operaio di soli 32 anni

  • Cronaca

    I sindacati concordi: "Parlare non basta, ci vuole un cambio culturale"

  • Cronaca

    Omicidio della piccola Angelica, ergastolo anche in appello per Biagio Toma

  • Cronaca

    Sequestro del lido “Cala Marin” di Torre dell'Orso, negata la facoltà d’uso

I più letti della settimana

  • Dramma sulla circonvallazione: 23enne sbalzato di sella perde la vita

  • Tragedia durante una battuta di pesca, muore un noto ortopedico

  • Tragico incidente sul lavoro: muore un operaio di soli 32 anni

  • Scontro sulla 274, sei tra feriti e contusi e una Ferrari distrutta sulla fiancata

  • Il maltempo sferza il Salento, tromba d'aria si abbatte sul capoluogo

  • Prostituzione in strada, l'accompagnatore filmato e poi incastrato

Torna su
LeccePrima è in caricamento