Omicidio Padovano: il 29 settembre davanti al gup

I nove indagati nell'inchiesta "Galatea" che gravita intorno all'omicidio del boss dovranno comparire davanti al gup Annalisa De Benedictis il prossimo 29 settembre. Le notifiche sono già partite

Il luogo dell'agguato mortale.
LECCE - In aula per l'omicidio di Salvatore Padovano. I nove indagati nell'inchiesta che gravita intorno all'assassinio dell'ex boss della Scu, ucciso a colpi di pistola la mattina del 6 settembre 2008, compariranno il prossimo 29 settembre davanti al gup Annalisa De Benedictis. Ci sarà il mandante reoconfesso Rosario Padovano, 39 anni di Gallipoli, fratello di Nino Bomba; Fabio Della Ducata, 44 anni, accusato di aver dato un supporto logistico; Carmelo Mendolia, 42 anni, originario di Gela, killer di Padovano che dal carcere di Busto Arsizio sciolse il giallo dietro l'omicidio rivelando agli inquirenti tutti i retroscena; Giorgio Pianoforte, 47 anni, cugino dei fratelli Padovano; Luciano Bianco, 27enne di Alezio, responsabile per aver fornito a Mendolia lo scooter utilizzato per seguire Nino bomba.

Pur estranei all'omicidio, sono accusati di far parte del gruppo criminale capeggiato da Rosario Padovano Massimiliano Scialpi, 38 anni, Giuseppe Barba, 40 anni, e Cosimo Cavalera, 34 anni, tutti gallipolini. Mendolia, Padovano e Marco Barba, 37 anni di Gallipoli, sono anche ritenuti responsabili dell'omicidio di Carmine Greco del 13 agosto del 1990 nella città jonica.

Queste le accuse che ha formulato nei loro confronti il pubblico ministero Elsa Valeria Mignone, che nell'ottobre scorso strinse le manette ai polsi di Rosario Padovano, Fabio Della Ducata, Giorgio Pianoforte.
L'attività d'inchiesta è stata portata avanti dalle due forze con il coordinamento della Dda di Lecce. Ma solo le dichiarazioni di Mendolia, diventato collaboratore di giustizia nel timore di ritorsioni per sé e per la propria famiglia, hanno dato un'accelerata definitiva. Il 9 aprile scorso è stato arrestato con le accuse di detenzione e porto abusivo di arma da fuoco dalla polizia, in provincia di Varese. E si fa risalire a quella data l'avvio del suo contributo.

Reo confesso dell'omicidio di Salvatore Padovano, addosso gli hanno ritrovato un pistola 7.65. Un'arma che ha raccontato di aver effettivamente portato con sé quel giorno, davanti alla pescheria "Paradiso del mare", lungo la Gallipoli-Santa Maria al Bagno. Ma non sarebbe stata quella usata per sparare alla testa del boss. Una sorta di riserva, qualora avesse avuto inconvenienti, magari si fosse inceppata. La pistola dell'omicidio, una semiautomatica Beretta, calibro 9 corto, con matricola abrasa, era stata ceduta ad un suo amico. Il killer ha detto anche dove ritrovarla. Il giorno successivo, è stata rinvenuta in possesso della persona da lui citata, a Gallarate. I riscontri della scientifica hanno dimostrato come non mentisse. Era la bocca di fuoco rivolta contro Padovano. Gli investigatori hanno dunque ritenuto che le sue dichiarazioni fossero da assumere con la massima serietà.

Mendolia, che avrebbe tra l'altro trasgredito ad un ordine impartito proprio dal presunto mandante dell'assassinio del fratello, ovvero proprio quello di sbarazzarsi delle pistole, avrebbe agito sotto la promessa di un compenso di 10mila euro ed un'auto, una Bmw. Promesse in parte mantenute. A parte l'auto, sulla quale sarebbe fuggito, su 10mila euro, 6mila sarebbero effettivamente stati ottenuti. Il siciliano trapiantato in Lombardia ha anche fatto rivelazioni scottanti, tutte però da verificare. Ha sostenuto di aver conosciuto la famiglia Padovano in occasione di un altro omicidio, quello di Renè Greco, avvenuto nell'agosto del 1990, sempre - a suo dire -, eseguito su mandato di Rosario Padovano, che avrebbe rivisto ancora una volta nell'agosto del 2008, durante un soggiorno per villeggiatura a Gallipoli. Un mese prima dell'agguato mortale, quindi. Ed avrebbe accettato l'incarico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Cinque colpi d'arma da fuoco, tre dei quali letali. Tanti sarebbero stati esplosi quella mattina davanti alla pescheria di Pianoforte. Il sicario arrivò a bordo di uno scooter Yamaha Majestic, ritrovato successivamente a circa un chilometro di distanza dal luogo dell'agguato, in località Rivabella. Era un sabato mattina. Salvatore Padovano si era recato dal cugino per acquistare del pesce. Sarebbe stato chiamato proprio da lui all'esterno del locale. Un urto accidentale tra lo scooter e la Bmw di Padovano, posteggiata vicino all'ingresso. Proprio il fatto che ad attirarlo fosse stata una voce conosciuta, non gli diede scampo. Non dovette certo pensare ad un inganno mortale, in quei tremendi istanti che precedettero gli spari. E invece, ad attenderlo, fuori, quell'uomo con il casco calato sul volto. I colpi, sordi, vibrarono nell'aria. Poi, la fuga, sempre sullo scooter, abbandonato per scomparire nel nulla. Mendolia rientrò in Lombardia. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Luigi Corvaglia, Luigi Suez, Vincenzo Venneri e Luigi Piccinni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento