Operazione "Diarchia": i 14 imputati scelgono il giudizio con rito abbreviato

L’udienza è stata fissata al 27 marzo dinanzi al gup Cinzia Vergine, che dovrà decidere sulla richiesta degli imputati

LECCE – La prima udienza del processo era stata fissata al 5 febbraio. Ora, però, le 14 persone coinvolte nell’operazione “Diarchia” e accusate a vario titolo di associazione mafiosa, tentato omicidio aggravato, associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione di armi, ricettazione e furto aggravato, hanno chiesto di essere giudicati con il rito abbreviato. Tra loro Tommaso Montedoro, assistito dall’avvocato Mario Coppola. L’udienza è stata fissata al 27 marzo dinanzi al gup Cinzia Vergine, che dovrà decidere sulla richiesta degli imputati.

Furono 14 i fermi eseguiti per sventare il progetto di un omicidio, quello di Ivan Caraccio, reo di non aver rispettato la regola fondamentale del silenzio, svelando le dinamiche interne all’associazione mafiosa, non rispondendo quindi alle aspettative del capo e pertanto ritenuto non all’altezza dei compiti assegnati. Caraccio, membro del gruppo e stretto collaboratore di Antonio Andrea Del Genio, attivo soprattutto nello spaccio di “piazza” con Andrea Cecere, già sottoposto ad intercettazioni telefoniche, è stato identificato a seguito di precisi riferimenti fatti dagli interlocutori nel corso delle telefonate intercettate. Gli associati, ricevuto il placet del capo Montedoro, decidono di farlo sparire. Doveva essere una lupara bianca, per evitare ulteriore allarme sociale e quindi attirare l’attenzione delle forze dell’ordine. Un progetto già pianificato in ogni dettaglio, sventato dall’arresto eseguito dai carabinieri lo scorso 18 maggio, quando Caraccio è fermato con della cocaina. Un arresto che avrebbe potuto compromettere le indagini ma che è servito a salvargli la vita. Nel corso delle operazioni di fermo, sono stati sequestrati oltre 40mila euro in contanti, tutti in tagli di 50, 100 e 200 euro e materiale d’interesse per le indagini.

Si tratta di Tommaso Montedoro, 41enne di Casarano; Damiano Cosimo Autunno, 51enne di Parabita; Sabin Braho, 34enne, albanese di Durazzo, ma residente a Brindisi; Ivan Caraccio, 30enne di Casarano; Andrea Cecere, 37enne di Nardò; Giuseppe Corrado, 45enne di Ruffano; Salvatore Carmelo Crusafio, 41enne residente a Matino; Luca Del Genio, 26enne di Casarano; Antonio Andrea Del Genio, 31enne d Casarano; Domiria Lucia Marsano, 40enne residente a Lecce; Marco Petracca, 40enne di Casarano; Maurizio Provenzano, 46enne di Lecce; Lucio Sarcinella, 21enne di  Casarano.

L’attività tecnico-investigativa ha consentito di documentare le attività del clan al cui vertice gli inquirenti collocano Tommaso Montedoro, promotore di un sodalizio criminale operante su Casarano e comuni limitrofi, il quale si avvale di un “quadro direttivo” composto da Damiano Cosimo Autunno, Giuseppe Corrado e Luca Del Genio. I primi due sono ritenuti storici sodali del capoclan, l’ultimo un soggetto emergente nel panorama criminale locale.

Le fonti di prova principali dell’attività investigativa sono costituite dalle intercettazioni ambientali e telefoniche, supportate nei limiti in cui è stato possibile (data la capacità di controllo del territorio e la scaltrezza dei sodali), dai riscontri in loco effettuati dagli uomini del Nucleo investigativo, che hanno avuto la possibilità di ascoltare una ingente quantità di conversazioni per un periodo consistente, tanto da maturare, da un lato, estrema familiarità con le voci degli interlocutori, e dall’altro, di comprenderne l’oggetto, in modo da delineare con precisione e dovizia di particolari gli argomenti trattati e ripresi nel corso dei dialoghi, riuscendo così a collegarli a fatti concreti e reali. In particolare, l’ascolto globale delle conversazioni, anche nelle parti non strettamente attinenti ai fatti, così come avviene nel linguaggio corrente, ha permesso di identificare senza ombra di dubbio gli interlocutori, nonché i riferimenti a persone, fatti e singoli episodi.

Principale attività del sodalizio il traffico degli stupefacenti, in particolare eroina e cocaina, autentica fonte di reddito del gruppo, con capacità di movimentazione di alcuni chilogrammi di stupefacente alla settimana. In tale contesto, di particolare rilevanza l’asse Casarano-Lecce, attraverso Luca Del Genio e Maurizio Provenzano, il quale ha evidenziato notevoli capacità autonome nel traffico, anche avvalendosi di emissari albanesi. I proventi delle attività illecite erano di sovente reimpiegati per avviare lecite attività imprenditoriali. In tale particolare ruolo, si è distinto Marco Petracca, insospettabile incensurato gestore di una rivendita Outlet di abbigliamento, di fatto cassiere del gruppo criminale e naturale referente di Montedoro, in via esclusiva.

Le attività hanno documentato, inoltre, a conferma dell’organizzazione militare del gruppo, la notevole disponibilità di armi e la capacità di pianificare ed eseguire operazioni strutturate; quali l’assalto consumato a uno sportello Bancomat e altri tentati, oltreché analoghi propositi criminali da consumarsi in Liguria, attuale luogo di detenzione del capo, egli stesso promotore delle azioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

Torna su
LeccePrima è in caricamento