Raccoglievano angurie sotto il sole cocente, scatta la multa per l'azienda

Prima sanzione nell'ambito dell'ordinanza anticaldo del sindaco Mellone di Nardò. Il sopralluogo svolto dalla polizia locale

NARDO’ – Nel giorno in cui l’imprenditore neretino arrestato con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro per un caso di presunto sfruttamento di braccianti agricoli nelle campagne, si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia, scatta anche la prima sanzione, sulla scorta dell’ordinanza sindacale anticaldo.

A elevarla, per 500 euro, gli agenti di polizia locale di Nardò. La multa è spettata a un’azienda agricola per violazione del provvedimento a firma del sindaco Pippi Mellone. L’intervento è avvenuto in località Li Nucci, dopo la segnalazione di un cittadino. Gli agenti hanno così sorpreso alle 14,45, con temperature particolarmente elevate (e destinate a salire nei prossimi giorni) una squadra composta da sei lavoratori e due alla guida di altrettanti mezzi. Gli uomini nei campi stavano raccogliendo angurie.

“I tempi di Auguria City - sbotta il sindaco Pippi Mellone - sono finiti, al di là di quello che dice e scrive qualcuno. Da indaco, su questo fronte, mi sono assunto tutte le responsabilità del caso e posso dire a testa alta di aver fatto tutto quello che era nelle prerogative mie e della mia amministrazione per migliorare le condizioni dei braccianti italiani e stranieri, per rendere dignitosa l’accoglienza dei lavoratori, per porre in essere condizioni favorevoli a un rapporto normale tra datori e lavoratori, per tutelare le tante aziende agricole che operano rispettando le regole”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per quanto ci riguarda, nella nostra Nardò la barbarie non passerà mai”, conclude. 
L’ordinanza, com’è noto, a partire dal 21 giugno vieta il lavoro nei campi su tutto il territorio comunale nella fascia oraria compresa tra le ore 12,30 e le 16,30. Si tratta di un provvedimento applicato anche negli anni scorsi a tutela dei braccianti chiamati a un impegno lavorativo in orari particolari. E’ divenuto un modello anche per altre realtà critiche sul fronte dell’impiego dei lavoratori in agricoltura. Gli effetti dell’ordinanza cesseranno il 31 agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento