Divieti e limitazioni in mare. Tutte le località interessate dalla 9 ordinanze

Pubblicati i provvedimenti della capitaneria di porto di Gallipoli: da Andrano a Porto Cesareo interessate numerose e rinomate loclaità. Emerge l'inerzia delle amministrazioni comunali rispetto alle verifiche sollecitate negli ultimi anni

Il faro di Santa Maria di Leuca.

LECCE – La capitaneria di porto di Gallipoli ha diffuso le nove ordinanze con le quali si impongono divieti e limitazioni alla balneazione, alla pesca e alla navigazione in altrettanti comuni rivieraschi: si tratta di Andrano, Diso, Tricase, Porto Cesareo, Tiggiano, Castrignano del Capo, Gagliano del Capo, Corsano e Racale.

Viene specificato, con provvedimenti puntuali, il senso della conferenza stampa tenuta questa mattina alla presenza del procuratore della Repubblica, Cataldo Motta, dell’aggiunto Ennio Cillo (che si occupa in prevalenza di reati contro l’ambiente) e del comandante della capitaneria di porto di Gallipoli, capitano di fregata Attilio Maria Daconto.

Di seguito sono allegate tutte le ordinanze con relativa cartografia (basta cliccare sul nome di ciascun comune): questo perché tutti i lettori e i frequentatori delle marine possano leggere e anche conservare le disposizioni che, come sottolineato in procura, sono finalizzate a garantire l’incolumità delle persone e riguardano esclusivamente tratti di litorale roccioso e per questo soggetto a pericolo di movimenti franosi.

I documenti della capitaneria ricostruiscono tutto l’iter ricognitivo, partito dalla delibera del 2005 dell’Autorità di bacino sul Piano idrogeologico regionale, e proseguita con una serie di sollecitazioni nei confronti delle amministrazioni dei comuni rivieraschi, soprattutto a partire dal 2012, a verificare le situazioni di pericolo. Si palesa così, nelle carte, una sostanziale inerzia dei Comuni fino all’emanazione dei provvedimenti degli ultimi mesi: iniziando da quelli per Melendugno fino ai 9 di oggi, passando per Otranto (ieri).

In breve questa la panoramica dei siti interessati.

Andrano: Grotta Verde e località Le Botte 

Diso: località Arenuse e località Porticelli, Marina di Diso e località Acqua Viva.

Tricase: Marina di Tricase, Punta Cannone, Tricase Porto, Canale del Rio, Marina Serra

Porto Cesareo: Torre Castiglione, Torre Lapillo.

Tiggiano: Marina di Tiggiano

Castrignano del Capo: Punta Meliso e Punta Ristola, località Ciolo

Gagliano del CapoMarina di Novaglie (località Ciolo)

Corsano: porticciolo di Novaglie

ordinanza_Racale_corretta: Marina di Racale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (19)

  • Penso che il geologo che ha fatto le analisi è un incompetente al massimo livello e che la Capitaneria di Porto , basandosi sul suo parere, ha emesso le ordinanze che servono solo a rovinare il poco turismo che c'è in questo salento. Da notare , infine, che a causa di probabili interventi di "pezzi grossi" è stato esclusa la località di Castro e dintorni che, a parere mio e di molti , è la vera zono soggetta ad erosione e crolli.

  • a certe località non si capisce perchè c'è il divieto

  • Io faro il bagno dove lo senpre fatto e delle loro ordinanze me ne frego a mio rischio il mare e di tutti e non sono certo loro a dirci dove dobbiamo farci il bagno che siamo a l'asilo

    • Se succede qualcosa io non manderei nemmeno il 118...

    • No, all'asilo si esprimono meglio.

  • Avatar anonimo di ghost rider
    ghost rider

    Se non sono sicure le località su indicate, non lo sono nemmeno le case e le attività abusive/regolari presenti, condonate e non. Ma questo filone non è percorribile, giusto?troppa gente importante...

  • Ma state scherzando? In base a quali studi geologici state creando questo danno enorme per il turismo? L' acquaviva che crolla..... Il ciolo che crolla....ma quando mai....ma vi siete accorti che la natura della pietra che compone le rocce del ciolo o de la botte è totalmente diverso da quello friabile di torre dell'orso o sant' Andrea? Qua mi sa che per pararvi il c.... avete messo dentro località che con il rischio crollo non hanno nulla a che vedere....

  • Ma che cosa è? una barzelletta?.

  • solo cosi si salvaguarda la sicurezza ai bagnanti più si salva il nostro turismo per dare delle indicazioni giuste ai turisti dove possono accedere nei punti giusti delle nostre marine senza rischio pericoli crolli coste

    • Cioè?!! Sulle spiaggie a pagare ombrelloni??? Ma quali indicazioni??? Crolli delle coste in estate, ma quando, dove? E' più probabile che venga investito attraversando la strada per baia verde a Gallipoli o gli Alimini durante l'estate! Mettiamo cartelli ogni 5 metri "attenzione alle macchine attraversando la strada"... Fatemi il piacere...

  • bravi controllori cosi si salvano tanti pericoli

  • E certo. Invece di mettere in sicurezza eventuali zone "pericolose" (???? ..la SS275 è pericolosa, non la costa di Leuca) se ne vieta l'accesso a tutti. Semplice mettere le mani avanti o preparare il terreno per tante belle e corpose multe?

    • Avatar anonimo di ghost rider
      ghost rider

      Appalteranno la messa in sicurezza di posti fantastici...vergogna!la 275 la faranno sulla costa visto che dove va fatta veramente non sono in grado di farla partire.

  • Avatar anonimo di MeNeFrego IO
    MeNeFrego IO

    C'è un piano ben preciso per affossare il Salento dal punto di vista turistico. Sarà per spianare la strada a TAP e relativo impianto che sarà una nuova ILVA? Noi sugli scogli ci siamo nati e cresciuti. E' una vita che facciamo il bagno e ci viviamo le zone costiere. Guarda un po' se deve venire un idiota incravattato a dirci che non possiamo farlo più. Vergognatevi!!!

    • Certo che ne hai di fantasia...

    • Cosa sarà la centrale di decompressione di melendugno? hahahajahahahhaaha. E di grazia,quale sostanza chimica o fossile verrà rilasciata nell' aria o nelle falde acquifere?

  • Voglio morire...

  • La Capitaneria di porto di GALLIPOLI ha praticamente stabilito che la prossima estate dovremo tutti fare il bagno a GALLIPOLI.

    • la capitaneria di porto lavora per preservare la sicurezza della vostra vita. essendo che non riesce ad acciuffare quei delinquenti che cospargono le coste con le reti da pesca proibite hanno escogitato di proibirle ai bagnanti. in questo modo preservano la vostra sicurezza e preservano il loro riposo diurno e notturno sognando una pensione imminente dovuta a un colpo di vento nell'occhio quindi cause di servizio, possibilmente prima dei 40 anni di età.

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento