Ottiene i domiciliari il 29enne accusato di aver ucciso il socio in affari

Ha lasciato il carcere Antonio Zacheo, il 29enne di Martano condannato a trent'anni in primo grado per l’omicidio di Massimo Bianco

LECCE – Ha lasciato il carcere Antonio Zacheo, il 29enne di Martano condannato a trent'anni in primo grado per l’omicidio di Massimo Bianco, il 41enne assassinato nella campagne di Martano il 29 giugno 2012. La Corte d’assise di Lecce ha accolto l’istanza dei legali di Zacheo, il professor Federico Grosso (del Foro di Torino) e l’avvocato Salvatore Maggio (del Foro di Taranto), concedendo al 29enne gli arresti domiciliari.

ZACHEO ANTONIO-5La Corte ha ritenuto, come rilevato dalla difesa, adeguata la misura dei domiciliari rispetto alle attuali esigenze cautelari, anche in virtù della posizione di Zacheo, soggetto incensurato e non inserito in contesti di criminalità organizzata.

L’uomo, inoltre, ha già scontato, a fronte di un verdetto che è fermo al primo grado di giudizio, due anni e mezzo di custodia cautelare in carcere. Elementi che hanno portato all’attenuazione della misura custodiale. Il collegio difensivo è in attesa del deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado per proporre appello.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Primo l'anno è sbagliato era il 29 giugno 2013..Secondo è una vera vergogna.. ma ormai non ci meravigliamo più di tanto siamo in Italia e qui la legge va al contrario.

  • Ho smesso di meravigliarmi, se avesse ucciso un giudice marcirebbe in galera a vita.Quando leggo queste cose voi amministratori della giustizia mi fate venire il vomito.Maledetti spero che evada dai domiciliari, io lo farei.

  • difendersi è nella facoltà di tutti ma andare ai domiciliari dopo aver commesso un omicidio dopo poco più di due anni é inammissibile!

    • Siamo in Italia caro e nn in un paese civile.

  • ...se fossi in lui col cavolo kè poi tornerei a farmi 30'anni di carcere ! E Mica sarà scemo ! .ma se poi nn torna + il giudici kè gli hanno aperto le porte saranno responsabili ?!... ma no dai...promossi e trasferiti mica è colpa loro, hanno solo applicato la legge.

  • Benvenuti in Italia dove la realtà supera l'immaginazione. ..kbm

  • Si possono sapere i nomi dei giudici che hanno preso simile decisione?

  • Incredibile!

  • La Corte ha ritenuto cosa ma cosa ,che nn si lamentasse dopo la corte se accadrebbe qualcosa che poi riterremmo la corte una massa inefficiente noi del popolo onesto e corretto

  • e' assurdo.

  • Se si attende il deposito delle motivazioni, è evidente che chiederanno la libertà completa. Ma si può?

  • Secondo me è uno scherzo. Tra un po' metteranno l'avviso: "sei su scherzi a parte"! Non può essere vero, ne sono certo. In un paese civile queste cose non accadono.

  • Vale così poco la vita di un uomo? Che fine ha fatto il potere deterrente della legge? Abbiamo imboccato un tunnel pericolosissimo con in fondo un assioma aberrante e profondamente ingiusto che il delitto, qualsiasi esso sia, paga!

  • Penso che simo sempre alle solite tanto nessuno pensa ha l,opinione de cittadini

  • Questo tizio ha commesso un omicidio e invece di buttare le chiavi dopo due anni è già ai domiciliari?

Notizie di oggi

  • Politica

    Election day, l'affluenza alle 12: in calo il dato delle comunali leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento