Paziente morì dopo l'isteroscopia, ginecologa condannata anche in appello

Per l'accusa nel 2009, perforò la parete uterina e provocò lesioni all'intestino tenue di una signora che spirò mesi dopo

LECCE – Confermata in appello la condanna a due anni di reclusione per la ginecologa Anna Maria Guacci, 61enne originaria di Nociglia ma residente a Lecce, accusata di aver provocato, sette anni fa, la morte di una paziente. I giudici della Corte d’appello hanno dunque confermato la sentenza emessa in primo grado dal giudice della prima sezione penale del Tribunale di Lecce Silvia Minerva.

La sospensione condizionale della pena è legata al pagamento, entro sessanta giorni dal passaggio in giudicato della sentenza, di una provvisionale di 328mila euro al marito e al figlio della vittima, che si sono costituiti parti civili con gli avvocati Luigi e Roberto Rella.

Secondo l’accusa, l’indagine è stata coordinata dal pubblico ministero Paola Guglielmi, il 27 gennaio 2009, la dottoressa, all'epoca dei fatti in servizio presso la casa di cura Petrucciani, nel corso di un’isteroscopia, perforò la parete uterina e provocò lesioni all'intestino tenue della signora. Sempre secondo gli accertamenti svolti dalla Procura, inoltre, la dottoressa avrebbe commesso errori per “insufficiente preparazione tecnico-anatomica”, facendo riferimento nella richiesta dell'esame istologico ad un polipo endometriale, trattandosi in realtà di strutture vicine alla tuba.

Il giorno seguente all’operazione, inoltre, non avrebbe informato la paziente dell’urgenza di sottoporsi a un intervento che scongiurasse le conseguenze della peritonite in corso. La donna spirò a causa dell’infezione nove mesi dopo. L’imputata è difesa dall’avvocato Luigi Covella.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • tratto da LinkedIn: Anna Maria Guacci - Ginecologa Responsabile Clinica della PMA presso Progenia Brindisi. non discuto le competenze di questa signora perchè non sono del mestiere. ma mi metto nei panni di chi ha perso una madre o una moglie. lei se la cava con un risarcimento danni peraltro pagato dall'assicurazione. poi continua a fare regolarmente il suo lavoro come se nulla fosse. un paese sempre più allo sbando.......

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Terribile impatto all'ingresso del Rauccio, due morti e quattro feriti

  • Cronaca

    Colto da malore mentre fa il bagno, muore annegato un uomo

  • Incidenti stradali

    Investito mentre attraversa la strada, 79enne muore dopo tre giorni

  • Cronaca

    Realizza su suolo comunale un parcheggio di 120 metri quadri, nei guai

I più letti della settimana

  • Terribile impatto all'ingresso del Rauccio, due morti e quattro feriti

  • Timbravano il badge e poi uscivano a fare spese o a giocare alle slot

  • Investito mentre attraversa, avvocato in Rianimazione con fratture

  • Feriti due ragazzi: tamponano nel buio una cavalla fuggita da un centro

  • Camion in retromarcia travolge anziano turista: morto sul colpo

  • Blocco delle telefonate in entrata, al posto del 118 diffusi numeri alternativi

Torna su
LeccePrima è in caricamento