Sequestrati fucili, munizioni e dosi di stupefacenti. Scarcerato dopo convalida

A Leverano nei guai un 38enne. Il controllo è stato effettuato dai carabinieri della stazione locale nei giorni scorsi

LEVERANO - Detenzione abusiva di armi e munizioni e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono i reati contestati ad Alessandro Savina, 38enne di Leverano, arrestato nelle scorse ore dai carabinieri della stazione locale.

L’aspetto particolare risiede soprattutto in due fucili. Sebbene da caccia, in regola e di proprietà del padre, in testa al 38enne ricadeva un divieto detenzione armi, munizioni e materiali esplodenti. E sono state riscontrati nella sua disponibilità nel corso di una perquisizione domiciliare.

Si tratta di un fucile sovrapposto, calibro 12, di marca Armitalia, e di un semiautomatico, sempre calibro 12, prodotto dalla Benelli. I carabinieri hanno sequestrato anche 156 cartucce calibro 12 e una cartuccia calibro 36. La perquisizione, però, ha consentito di trovare anche altro. Ovvero, una dose di cocaina e 33 grammi di marijuana.

I militari hanno sequestrato anche un bilancino di precisione. Savina, difeso dall’avvocato Cosimo D’Agostino, su ordine del pubblico ministero di turno, Roberta Licci, è stato condotto in carcere dove questa mattina, davanti al gip Carlo Cazzella, che nel pomeriggio ha sciolto le riserve. L'arresto è stato convalidato, ma contestualmente ha disposto l'immediata scarcerazione di Savina. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento