La denuncia di Aidaa: "Due studentesse universitarie facevano prostituire il cane"

Accade nel centro storico di Perugia, dove il presidendete dell'Associazione ambientalista si è finto imprenditore con particolari pruritiper avere conferma diretta di quanto denunciato due mesi addietro al telefono amico. Una delle due è della provincia di Lecce. La questione in via di denuncia

Repertorio (@TM News/Infophoto).

PERUGIA – La notizia è davvero singolare e arriva dall’Umbria. E’ a firma dell’Aidaa, Associzione italiana difesa animali e ambiente, e sta facendo già da ore il giro delle principali testate del Centro Italia: dietro a un centro massaggi nel pieno centro storico di Perugia, non lontano da corso Pietro Vannucci, vi sarebbe stata una casa privata, presa in affitto da studentesse universitarie, una 24enne e una 26enne delle province di Lecce e Milano.

Le due giovani si sarebbero prostituite fornendo ai clienti più facoltosi e stravaganti qualcosa di molto particolare: versando 100 euro in più, avrebbero potuto anche usufruire anche di una cagna, una femmina meticcia nera, per la precisione, “specializzata” in sesso orale. L’animale sarebbe di proprietà della studentessa lombarda. E gli annunci sarebbero stati inseriti in siti specializzati.

Sembra che una segnalazione in tal senso sia giunta al telefono amico di Aidaa, associazione presieduta da Lorenzo Croce (il quale conduce una battaglia per far diventare reato la pratica del sesso con animali, anche a livello europeo) due mesi addietro.

Croce ha così spiegato di essersi messo in contatto telefonico con le due studentesse. Si sarebbe finto imprenditore di passaggio a Perugia con particolari “pruriti” e avrebbe chiesto lumi, essendo interessato all’offerta.

Le due ragazze prima sarebbero rimaste sul vago, non fornendo assicurazioni in tal senso. Solo dopo diverse insistenze, avrebbero alla fine confermato che sarebbe stato possibile avere un rapporto a tre, a 500 euro. Ovvero, 200 a testa per loro e ulteriori 100 per il cane. Ora, la decisione di rendere pubblica la questione.

“Intanto abbiamo rintracciato e avvisato la proprietaria dell’appartamento dove le due ragazze vivono e saltuariamente si prostituiscono con il cane - ha dichiarato Lorenzo Croce, presidente di Aidaa -. Le due ragazze sono state immediatamente cacciate dalla casa dalla proprietaria esterrefatta”.

“Ora – aggiunge - stiamo ricostruendo il giro in modo da poterli denunciare tutti, prostitute e clienti per il reato di maltrattamento del cane ai sensi dell'articolo 544 del codice penale. Per quanto ci risulta, le due - conclude Croce - hanno abbandonato i corsi universitari e sono tornate nelle loro città di origine”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (27)

  • il problema grosso e' ... che siamo un popolo in decadenza morale !!!!!!!!

    • ..e di debosciati senza spina dorsale,flaccidi,malati,con gravi turbe e devianze,drogati,alcoolizzati..! Una società in decadimento...!

  • Scusate, ma dov' è il reato. Due studentesse decidono di arrotondare la paghetta, dando, a pagamento, quello che solitamente danno, a gratis, ai loro coetanei. Le ha costrette qualcuno ? Sembrerebbe di no. Il cane. Pare che fosse addestrato ad utilizzare la lingua per sollecitare qualche mentecatto che affidava il bene più prezioso alle sue fauci animalesche ancorchè imprevedibili. Un rischio non da poco. Anche qui, dov' è il reato? Mancata corresponsione degli oneri contributivi? Non c'erano le "marche", contributivamente parlando, ma c' erano le marchette. L'unico personaggio che mi provoca qualche brivido è il il sig. Lorenzo Croce. Denuncia la situazione di un quadrupede che gode di vitto, alloggio, lavatura e stiratura, come avrebbe detto Totò nel Turco napoletano, in cambio di qualche passata di lingua. Che cosa dovrebbe dire il povero Dudù costretto ad una prostituzione mediatica enormemente più avvilente?

  • Povero cane nemmeno lo pagavano. Questo si che è spruttamento della prostituzione canile.

  • Come al solito noi maschetti siamo portati ad esagerare......."tantissime studentesse".....ma chi lo dice....e i maschi studenti fuorisede, che hanno li stessi problemi economici delle ragazze se non di più, si prostituiscono anche loro? Suvvia Non esageriamo, si tratta di casi isolati di due ragazze, che se i fatti sono veri sono da condannare, ma certamente non rappresentano una intera categoria.

    • Non rappresentano nessuna categoria. Ci sono studenti/studentesse mantenuti/mantenute dai genitori e ci sono quelli/e che lavorano per permettersi qualcosa in più o per studiare. Tra i lavori che fanno c'è il cameriere (quello vestito di bianco), il barista, e poi ci sono donne che vendono ciò che hanno: il fisico.

  • Tantissime studentesse universitarie si prostituiscono, chi per andare avanti chi perché quello che passano i genitori non basta per fare una vera vita indipendente (serate, aperitivi, shopping ecc..). C'è chi si prostituisce solo 2 o 3 volte al mese giusto per avere quelle 2-300 euro in più e chi lo fa più spesso. A mio modo di vedere, se una decide liberamente, non c'è nulla di male. Per quanto riguarda il cane, non credo ci fosse rapporto sessuale sessuale col cane, immagino che questo si limitasse a qualche leccata che il cane sapeva fare. L'unica cosa anomala che vedo è il piacere di colui che si faceva leccare dal cane, perché non credo si trattasse di maltrattamenti. Anche perché non credo che qualcuno, sapendo che il cane potrebbe ribellarsi, sarebbe così idiota da offrire il pene davanti al muso.

  • Dubito che la povera cagna sia mai stata contenta di questi trattamenti. In un film horror quest'animaletta avrebbe già sbranato la sua padrona...

  • A bordo della Royal Navy di Nelson il sesso con gli animali (pecore e capre imbarcate per fornire il latte), veniva punito con l'impiccagione al pennone di varea.....A mo di ammonimento il comandante della nave, subito dopo la funzione domenicale, leggeva il regolamento davanti all'equipaggio schierato a poppa.

  • ...c'è ccu te faci a croce alla mmersa! A salentina è sicuramente te na brava famiia e tutte e tuminiche se cunfessa e va alla missa...! Proprio na brava studentessa ca a mammà e papà mantengonu allu studi...!!

    • Avatar anonimo di francesco effe
      francesco effe

      compare Rocco.....sicuramente sarà così! non ho dubbi neanch'io.

      • ....era meiu ca i genitori invece ccu la mantenene alli studi sinne "crisciutu nu porcu"....!!

  • studentesse........???? che figura di m....

  • Non capisco chi commenta questo articolo (me compreso) è perchè non ha niente da fare tutto il giorno o si sente invidioso del cane che ha potuto partecipare a queste menage a trois?

  • che schifose....

  • ma quale perugia. succedono dapertutto. vorresti sapere i nomi? ci vorrebbe un pc da 4gb di ram per catalogarle tutte

  • Siamo davvero oltre la frutta...

    • Avatar anonimo di francesco effe
      francesco effe

      qui siamo alla pennichella post ammazza-caffè....questi sono fuori di testa....fuori completamente

  • distegno, spero che l'associazione animale farà il suo dovere. Per quanto riguarda le due ragazze mi sà che avrete un futuro molto movimentato visto che si sà da dove venite, e il mondo e molto piccolo!.

  • Chi delle tre sono le vere bestie?!?

  • Vogliamo i nomi ...! Quando volete spiattellate tutto..., beh, fatelo ora!

  • Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah !!! Che ridere! Roba da matti ! Hi hi hi hi hi hi hi !!!

  • Avatar anonimo di Ivo
    Ivo

    Posso immaginare che i nomi non siano stati divulgati ma ste due si meriterebbero s@#?*%$te!

    • A che ti servono i nomi. Oramai hanno finito di lavorare non ne ricaveresti niente.

  • meglio non dire queste cose non ci sono parole se e vero dove e arrivato l'essere umano

  • Uno schifo totale e assoluto e sinceramente non mi interessa nemmeno sapere i nomi di queste ragazze, ma per l'ennesima volta assurge alla cronaca il mondo universitario di Perugia....

  • O mio dio... Non ho parole...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Promesse a commercianti e voti comprati a 50 euro: l’indagine sull’ex consigliera Brandi

  • Politica

    Sicurezza, il sindaco chiama il prefetto. "Ma collaborino tutti i leccesi"

  • Cronaca

    Operazione "Diarchia": l'ex sindaco Venuti "scagiona" uno degli imputati

  • Cronaca

    Rissa in piazza fra avventori di un locale, in sette finiscono denunciati

I più letti della settimana

  • Dopo la festa di matrimonio, dorme sul balcone e precipita: muore giovane musicista

  • Rissa furiosa vicino alla stazione: venti coinvolti, ferito con taglio alla gola

  • Una donna denuncia la scomparsa del figlio di 24 anni, ricerche avviate

  • Impatto violento, due feriti. Una smontava dal turno, l'altro si avviava

  • Sospiro di sollievo per la comunità di Cavallino: il 24enne scomparso contatta la madre

  • Scoppia la rissa in pieno centro nel cuore della notte, almeno dieci i coinvolti

Torna su
LeccePrima è in caricamento