Barca da pesca si rovescia: uno nuota fino alla riva, altri due sono dispersi

Ore drammatiche a Pescoluse, marina di Salve. Si ricercano da questa notte il padre del giovane salvatosi e un altro uomo, tutti gallipolini. I soccorsi avvisati attorno alle 3

PESCOLUSE – Cosimo si è salvato a nuoto. Quando la barca s’è rovesciata nel buio, fra le onde di un mare in tempesta, ha iniziato a combattere contro le correnti e il freddo con tutte le sue forze. E una bracciata dietro l’altra, ha raggiunto la riva. Era stremato, ma vivo. E ancora disperato. Dietro di lui, al largo, la sagoma di una barca semiaffondata, l’Aurora, e due dispersi: il padre, Fabrizio e un loro amico, Damiano. Saranno ricercati per tutta la notte.

Sono ore drammatiche per due famiglie gallipoline. La battuta di pesca si è trasformata all’improvviso in un incubo quando, poco prima delle 3 di notte, l’imbarcazione con cui erano usciti, raggiungendo le marine di Salve, fra Pescoluse e Posto Vecchio, ha iniziato a imbarcare acqua. Fino a rovesciarsi quando era a circa 2 miglia dalla costa. Il mare era in tempesta e il bollettino diramato nel tardo pomeriggio dalla protezione civile non era certo di quelli ottimali: allerta gialla per vento proprio sul Salento.

Cosimo Piro, 33 anni, conosciuto nella cerchia di amici come Mino, il più giovane del gruppo, è stato ritrovato bagnato fradicio e tremante sulla litoranea, mentre chiedeva aiuto. Fra i primi a fermarsi è stato un vigilante de La Folgore, in quel momento di pattugliamento notturno. Alla guardia giurata il giovane ha raccontato cosa fosse accaduto. E sono stati subito richiesti soccorsi. La centrale operativa dell’istituto di vigilanza ha contattato il 118. In breve sono stati informati anche carabinieri e guardia costiera. E sono iniziate le prime ricerche. Praticamente subito, quando ancora l’alba era ancora lontana.

Video | Le ricerche dei due dispersi in mare

In zona sono arrivate due ambulanze e un’automedica. Cosimo Piro è stato trasportato immediatamente all’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase. A parte dolorosi crampi muscolari, non ha riportato serie conseguenze. In tarda mattinata è stato dimesso. Ma drammatico è stato il suo racconto. Ha spiegato con un filo di voce di aver visto dietro di sé il padre, Fabrizio Piro, 53enne e il loro amico, Damiano Tricarico, 43enne, scomparire fra le onde, mentre cercavano a loro volta di portarsi verso la riva a bracciate.

Il coordinamento delle operazioni di soccorso è affidato alla Capitaneria di porto, che ha inviato le motovedette da Gallipoli, Santa Maria di Leuca e Torre San Giovanni, affiancate da un gommone della guardia di finanza. Mentre da Lamezia Terme è partito in volo un aereo Atr della guardia costiera. I vigili del fuoco hanno inviato un loro elicottero da Bari e il Nucleo sommozzatori, sempre dal capoluogo pugliese. In serata, se non vi saranno novità, avverrà il cambio, con  i sub da Brindisi. I carabinieri coadiuvano nelle ricerche da terra, con due auto del Nucleo operativo radiomobile e un’auto della stazione di Salve, pattugliando il litorale. Il relitto, intanto, è stato trasportato a riva dalle correnti e si è arenato sulla spiaggia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Positiva prima di un day service ambulatoriale: nuovo caso Covid-19 nel Salento

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento