Barca da pesca si rovescia: uno nuota fino alla riva, altri due sono dispersi

Ore drammatiche a Pescoluse, marina di Salve. Si ricercano da questa notte il padre del giovane salvatosi e un altro uomo, tutti gallipolini. I soccorsi avvisati attorno alle 3

PESCOLUSE – Cosimo si è salvato a nuoto. Quando la barca s’è rovesciata nel buio, fra le onde di un mare in tempesta, ha iniziato a combattere contro le correnti e il freddo con tutte le sue forze. E una bracciata dietro l’altra, ha raggiunto la riva. Era stremato, ma vivo. E ancora disperato. Dietro di lui, al largo, la sagoma di una barca semiaffondata, l’Aurora, e due dispersi: il padre, Fabrizio e un loro amico, Damiano. Saranno ricercati per tutta la notte.

Sono ore drammatiche per due famiglie gallipoline. La battuta di pesca si è trasformata all’improvviso in un incubo quando, poco prima delle 3 di notte, l’imbarcazione con cui erano usciti, raggiungendo le marine di Salve, fra Pescoluse e Posto Vecchio, ha iniziato a imbarcare acqua. Fino a rovesciarsi quando era a circa 2 miglia dalla costa. Il mare era in tempesta e il bollettino diramato nel tardo pomeriggio dalla protezione civile non era certo di quelli ottimali: allerta gialla per vento proprio sul Salento.

Cosimo Piro, 33 anni, conosciuto nella cerchia di amici come Mino, il più giovane del gruppo, è stato ritrovato bagnato fradicio e tremante sulla litoranea, mentre chiedeva aiuto. Fra i primi a fermarsi è stato un vigilante de La Folgore, in quel momento di pattugliamento notturno. Alla guardia giurata il giovane ha raccontato cosa fosse accaduto. E sono stati subito richiesti soccorsi. La centrale operativa dell’istituto di vigilanza ha contattato il 118. In breve sono stati informati anche carabinieri e guardia costiera. E sono iniziate le prime ricerche. Praticamente subito, quando ancora l’alba era ancora lontana.

Video | Le ricerche dei due dispersi in mare

In zona sono arrivate due ambulanze e un’automedica. Cosimo Piro è stato trasportato immediatamente all’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase. A parte dolorosi crampi muscolari, non ha riportato serie conseguenze. In tarda mattinata è stato dimesso. Ma drammatico è stato il suo racconto. Ha spiegato con un filo di voce di aver visto dietro di sé il padre, Fabrizio Piro, 53enne e il loro amico, Damiano Tricarico, 43enne, scomparire fra le onde, mentre cercavano a loro volta di portarsi verso la riva a bracciate.

Il coordinamento delle operazioni di soccorso è affidato alla Capitaneria di porto, che ha inviato le motovedette da Gallipoli, Santa Maria di Leuca e Torre San Giovanni, affiancate da un gommone della guardia di finanza. Mentre da Lamezia Terme è partito in volo un aereo Atr della guardia costiera. I vigili del fuoco hanno inviato un loro elicottero da Bari e il Nucleo sommozzatori, sempre dal capoluogo pugliese. In serata, se non vi saranno novità, avverrà il cambio, con  i sub da Brindisi. I carabinieri coadiuvano nelle ricerche da terra, con due auto del Nucleo operativo radiomobile e un’auto della stazione di Salve, pattugliando il litorale. Il relitto, intanto, è stato trasportato a riva dalle correnti e si è arenato sulla spiaggia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento