Pistole e munizioni: nelle campagne un piccolo arsenale

I carabinieri di Copertino hanno rinvenuto in un muretto a secco una Beretta ed una Smit & Wesson, oleate e pronte per l'uso. E' il secondo ritrovamento di armi della mala in pochi giorni

Due bei "giocattolini", in ottimo stato di conservazione e perfettamente oleati, dunque pronti per un uso immediato. Si tratta di una pistola semiautomatica Beretta, modello 92 Fs, calibro 9x21, con matricola abrasa, caricatore inserito e completo di 15 cartucce e di un revolver Smith & Wesson calibro 38, quest'ultimo con matricola (Bek 8067). Le due armi sono state trovate nella serata di ieri dai carabinieri della tenenza di Copertino. Erano contenute in una busta di plastica e nascoste all'interno di un muretto a secco in zona "Li Scoi", nelle campagne circostanti il comune salentino. Nella stessa busta erano contenute anche 35 cartucce calibro 9x21 e altre 8 calibro 38 speciale, dunque, rispettivamente, per la Beretta e per la Smith & Wesson.

Grazie alla matricola del revolver, i carabinieri sono riusciti a risalire alla sua origine: la pistola risultava rubata sette anni addietro a Nardò. Le due pistole, poste sotto sequestro, saranno inviate al Raggruppamento investigazioni scientifiche di Roma, che dovrà verificare se siano state utilizzate nel corso di eventi criminali compiuti di recente nel Salento. Quello operato dai carabinieri della tenenza di Copertino è il secondo ritrovamento di armi della mala nascoste nelle campagne. Mercoledì scorso, in un boschetto nelle vicinanze di Corsano, nei pressi del Capo di Leuca, i militari della stazione locale avevano rinvenuto un fucile a canne mozze, calibro 12 (http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=1798).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento