Stupefacenti, ordigni artigianali e una pistola. Tutto nascosto dentro casa

A Poggiardo i carabinieri hanno arrestato un 35enne. L'arma aveva la matricola abrasa. Trovati e sequestrati anche due proiettili

POGGIARDO – In casa nascondeva una pistola, stupefacenti e tre grossi petardi di fattura artigianale. E così, per Francesco Maggio, 35enne di Poggiardo, inevitabili sono scattate le manette. Ad arrestarlo sono stati i carabinieri della stazione locale, al termine di un accertamento.

Già noto alle forze dell’ordine, Maggio è stato fermato mentre rientrava verso casa in sella a un bicicletta. I carabinieri lo attendevano, letteralmente, al varco. E il suo comportamento li ha insospettiti subito, visto che avrebbe manifestato una certa apprensione. Così, i militari hanno deciso di andare in fondo alla questione, visto che su di lui nutrivano già diversi sospetti, perquisendo l’abitazione.

Avevano visto giusto. Dentro un involucro di cellophane, infatti, c’erano 6,10 grammi di sostanza, verosimilmente eroina, in un pezzo unico. E non solo. Aveva anche due bilancini elettronici funzionanti e ritagli di cellophane, usati di solito per confezionare singole dosi.

MAGGIO FRANCESCO-2Perlustrando ancora, i carabinieri hanno trovato anche 81 pastiglie di Suboxone (un farmaco che dovrebbe essere usato per la cura dalla dipendenza da oppioidi, si ottiene con speciali prescrizioni mediche), ma, soprattutto, una pistola Beretta calibro 22 con matricola abrasa e caricatore, più due proiettili inesplosi calibro 7.65 x 25 per pistola e tre artifizi esplosivi artigianali da 23 grammi ciascuno. Tutto sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento