Inchiesta di Porto Cesareo: sigilli al villaggio "Riva degli Angeli"

Si apre uovo filone nell'ambito dell'indagine partita sul voto di scambio e che coinvolge diversi politici locali. Su ordine del pm Carmen Ruggiero i carabinieri hanno eseguito il sequestro preventivo per presunti abusi edilizi

Foto di Antonio Quarta.

LECCE – Dopo gli avvisi di garanzia e gli accertamenti legati al presunto voto di scambio che sta scuotendo nelle ultime settimane Porto Cesareo, un nuovo fronte giudiziario si apre nel comune ionico. Questa mattina, infatti, i carabinieri della compagnia di campi Salentina, guidata dal capitano Nicola Fasciano, hanno posto sotto sequestro la struttura alberghiera "Riva degli angeli", che sorge a Torre Lapillo, lungo la litoranea nord, in direzione di Taranto.

L'ipotesi di reato alla base del sequestro (le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero) è di abusivismo edilizio. Nell'articolata informativa di reato dei carabinieri, sarebbero evidenziate “macroscopiche” violazioni delle norme urbanistiche, oltre che, in altra parte, da opere “realizzate in totale assenza di permesso di costruire e di autorizzazione paesaggistica”.

Una simile situazione richiede però un’indagine ancora più approfondita, da affidarsi a un consulente tecnico che determini consistenza e natura delle opere realizzate, nonché la loro legittimità alla luce di provvedimenti amministrativi e degli strumenti urbanistici vigenti a Porto Cesareo.

Un primo sopralluogo era stato effettuato il 19 febbraio, con un perito. I militari avevano scattato fotografie e svolto rilievi, dopo aver acquisito documentazione nell’ufficio tecnico comunale.

La struttura turistica, dotata di 250 posti letto ripartiti tra camere doppie e suite, anfiteatro, bar, ludoteca, parcheggio interno ombreggiato incustodito, piscina semiolimpionica, piscina per bambini, due campi da tennis, campo di calcetto in erba sintetica e di beach volley, è di proprietà del consigliere comunale con delega al Turismo, Giuseppe Durante, già indagato insieme ad altre cinque persone (tra cui il sindaco Salvatore Albano) per voto di scambio. I cinque, infatti, sono stati destinatari di altrettanti avvisi di garanzia emessi nell’ambito del fascicolo sul presunto voto di scambio avvenuto nell’ambito dell’ultima tornata elettorale del 2011.

Albano ieri è stato l’unico a rispondere alle domande degli inquirenti, respingendo ogni accusa e affermando di non aver mai conosciuto o incontrato le persone che lo accusano. Gli altri quattro indagati, invece, hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, “in considerazione del clima poco sereno che si è creato nell’ambiente cittadino, alimentato da accuse prive di fondamento”. Gli indagati, per mezzo dei loro legali, si sono riservati, “non appena conclusa l’istruttoria, e conosciuti gli atti, di agire come parti lese a tutela della loro onorabilità”.

IMG_7650-4Vari i filoni d’inchiesta finiti all’attenzione della magistratura: quello sul presunto voto di scambio basato sulla compravendita di voti in cambio di denaro, e quello sugli attentati a danno di politici e imprenditori del comune salentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi, quello sul presunto voto di scambio, a base di festini hard e incontri a luci rosse con ragazze provenienti dall’Est Europa, appositamente assoldate nell’ambito dell’ultima tornata elettorale del 2011. In questo caso (due gli indagati) l’accusa ipotizzata nei confronti degli indagati è di voto di scambio e favoreggiamento della prostituzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento