Fermato per un controllo, girava in auto con cocaina e documenti non suoi

I poliziotti di Taurisano hanno arrestato un 45enne di Presicce-Acquarica. Messo alle strette, ha consegnato la sostanza

PRESICCE-ACQUARICA DEL CAPO – Detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e ricettazione. Sono i reati dei quali dovrà rispondere nel rito direttissimo Paolo Piccinni, 45enne di Presicce-Acquarica del Capo, già noto. L’uomo è stato arrestato ieri sera dagli agenti di polizia del commissariato di Taurisano.

Tutto è iniziato dal controllo di una Fiat Panda condotta da Piccinni. Una volta fermato, si sarebbe dimostrato subito insofferente e preoccupato. Insospettiti, i poliziotti hanno deciso di perquisire lui e l’auto, scoprendo cinque involucri contenenti cocaina, per 2,5 grammi, oltre a mille e 655 euro in banconote di vario taglio. Non solo. Gli agenti hanno trovato anche una carta di identità ancora in bianco, risultata rubata presso gli Uffici dell’allora Comune di Presicce (prima della fusione con Acquarica del Capo). La denuncia, infatti, risale al 22 marzo 2016. Fra gli altri documenti rinvenuti, anche una patente e una carta di identità rilasciate  in Belgio.

Ormi alle strette, Piccinni ha deciso a quel punto di essere più collaborativo, ben sapendo che i controlli sarebbero continuati. E ha così consegnato altri tre involucri di cellophane trasparenti, contenenti cocaina per 1,50 grammi, più un altro involucro, più grande, con la stessa sostanza, questa volta per un peso lordo di 13 grammi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta in casa, invece, l’uomo, sempre spontaneamente, ha consegnato un bilancino di precisione, tipo cucchiaio, ancora impregnato di sostanza stupefacente e funzionante. E non è tutto. I polizotti hanno trovato anche una carta di circolazione di un motocarro Ape 50 Piaggio (risultata smarrita e denunciata presso la caserma dei carabinieri di Presicce-Acquarica il 3 luglio scorso) e altri documenti, risultati anch’essi smarriti, sequestrati con il resto. E ora l’uomo si trova ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Incendiano l’auto di un 33enne: ma le videocamere immortalano la scena

  • Il passo del contagio ancora lento, ma in provincia di Lecce tre decessi

  • Paura a Lequile: olio bollente sul volto, gravi ustioni per un bimbo di 2 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento