Il furto, l'inseguimento delle volanti, lo schianto finale: in tre restano feriti

Scene da film nella notte nelle campagne attorno alla provinciale Presicce-Specchia. Una banda intercettata dalla polizia di Taurisano. L'auto è finita fuori strada, abbattendo un muretto a secco

PRESICCE–ACQUARICA DEL CAPO - E’ terminata con uno schianto su un muretto a secco la fuga disperata di tre giovani. Tutti sono finiti in ospedale. Per due di loro, le condizioni sono più serie. Attualmente si trovano ricoverati presso l'ospedale "Cadinale Panico" di Tricase, con una prognosi di trenta giorni ciascuno.

Tutto è successo questa notte sulla strada provinciale che collega Presicce-Acquarica del Capo a Specchia. La banda era a bordo di una Mercedes nera. I tre avevano appena messo a segno un furto ai danni del supermercato Di Meglio, in via I Maggio, quando sono stati intercettati da una volante del commissariato di polizia di Taurisano. La fuga è stata tanto rapida, quanto vana. E segnata da momenti drammatici. L'auto è uscita fuori strada. Un impatto particolarmente violento, nel quale hanno rischiato di rimetterci la vita. 

Il guidatore, ferito, riconosciuto per M.I., 34enne di Taurisano, già noto, è sato l'unico a uscire dall’abitacolo sulle sue gambe, dichiarando di volersi arrendere e chiedendo aiuto agli agenti per gli altri due, ancora intrappolati fra l lamiere: C.M., 21enne, e e M.A., 22enne, anche loro taurisanesi e con precedenti.

Il sopralluogo del vigilante

Quando è scattato l'allarme erano le 3,35 circa. E il primo a raggiungere il supermercato è stato un vigilante de La Folgore di Tricase. Inequivocabile la scena davanti alla quale s'è trovato: catena tagliata, porta sfondata. Ha avvisato la sua centrale operativa per avere l'autorizzazione a un controllo. Ottenutala, si è addentrato nei locali e ha visto subito che era stata forzata anche la porta dell'ufficio. Per terra, cassetti e carte, tutto lanciato alla rinfusa a caccia di soldi o qualsiasi altracosa che potesse avere un valore.

Quando sul posto è arrivato anche il titolare, ha subito notato l'assenza di alcune buste di plastica. Dentro, il giorno prima, erano state depositate monete per un totale di 280 euro. Nel frattempo, sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Alessano e gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano per un ulteriore sopralluogo. L'inseguimento si era da poco consumato.

L'inseguimento e lo schianto

Da via I Maggio, si presume che l'auto abbia imboccato via Vittorio Veneto e, da qui, abbia effettuato un’altra svolta per risalire sulla provinciale 76 e uscire fuori dall’abitato. Ma alle calcagna la banda, a un certo punto, s'è ritrovata le volanti di polizia del commissariato di Taurisano.

Via radio, infatti, era stato lanciato l'allarme e la caccia è partita subito. Intercettata una Mercedes Clk sospetta, così, è iniziato il tallonamento. E, pur di non desistere e arrendersi, il conducente ha accelerato al massimo, fino a perdere il controllo del veicolo laddove la strada assume une pericolosa curva (l'unica in tutto il percorso, a metà esatta). L'auto ha fatto un volo nelle campagne circostanti, demolendo un muretto a secco.

Sul posto sono stati chiamati a intervenire anche vigili del fuoco e operatori del 118. I due giovani che erano rimasti a bordo, ancora vivi, nonostante l’impatto devastante, sono stati estratti dall’abitacolo e portati in ospedale. Mentre i poliziotti guidati dal vicequestore Salvatore Federico hanno avviato gli accertamenti. Che hanno portato subito ai primi riscontri.

Dentro la vettura, infatti, c'erano arnesi da scasso e la refurtiva. Per il momento, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per furto aggravato, resistenza pubblico ufficiale e per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli. La posizione, però, potrebbe aggravarsi successivamente. 

Nota: questa mattina, proprio a ridosso del luogo dell'impatto, abbiamo fotografato uno stemma di una Bmw e questo ci ha indotto in errore nella prima versione. In realtà, l'auto è una Mercedes Clk. Lo stemma della Bmw, probabilmente, è l'avanzo di qualche altro sinistro stradale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento