Omicidio dei coniugi Ferrari, il presunto killer tira in ballo l'amico: "Io nascosi la refurtiva"

Vincenzo Tarantino si è difeso davanti al sostituto procuratore Giuseppe Capoccia. E' accusato dell'efferato delitto risalente all'estate del 2014. Ha proclamato la sua innocenza e ha negato anche un coinvolgimento nella rapina. Mercoledì le parti civili

LECCE - Non li ha uccisi lui e non li ha neppure rapinati. Si è solo occupato di nascondere la refurtiva così come gli aveva chiesto di fare un amico. Si è difeso così dinanzi al sostituto procuratore Giuseppe Capoccia, Vincenzo Tarantino il 52enne originario di Manduria accusato di aver assassinato i coniugi Ferrari nella loro abitazione a Porto Cesareo, la notte tra il 23 e il 24 giugno 2014.

Una settimana fa, l'uomo, arrestato poche ore dopo il duplice omicidio e imputato nel processo che si sta svolgendo dinanzi al gup Michele Toriello, aveva chiesto e ottenuto di essere interrogato dal magistrato inquirente nel carcere di “Borgo San Nicola”, alla presenza dell'avvocato difensore Giada Trevisi.

Insomma, il 52enne continua a proclamare la propria innocenza, ma stavolta ha tirato in ballo proprio quell'amico che, ascoltato durante le indagini come persona informata sui fatti, riferì di vecchi rancori tra Tarantino e le vittime (che erano zii della sua ex compagna), e dell'intenzione, sempre di Tarantino, di mettere a segno un furto. Sarebbe stato lui a chiedergli di nascondere la cassaforte e il borsello con alcuni gioielli spariti da casa dei coniugi la notte del delitto e che furono ritrovati dai carabinieri lo scorso aprile nelle campagne tra Nardò e Avetrana.

Riguardo al sangue rimasto sulle lenzuola e nel lavandino della camera del b&b dove passò il resto di quella notte, Tarantino ha spiegato di averlo perso a causa di alcune ferite dovute ad una caduta.

Sono questi i passaggi cruciali del confronto col pm Capoccia che mercoledì prossimo prenderà la parola nel processo col rito abbreviato condizionato dalla perizia psichiatrica che ha attestato la capacità di intendere e di volere del presunto assassino. La relazione, redatta dallo psichiatra Domenico Suma, su incarico del Tribunale, contrasta con quella (già agli atti) svolta per conto della difesa dallo psichiatra Pompilio Palmariggi e dalla psicologa Emanuela Settimo. I medici di parte hanno rilevato “una psicosi delirante indotta dall'abuso di cocaina” e sostengono che “tale situazione di notevole gravità a carattere psicopatologico implica una capacità di intendere e di volere gravemente compromessa ormai da diversi anni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre mercoledì discuteranno le parti civili con gli avvocati Giuseppe, Michele e Giulia Bonsegna, Vincenza Raganato, Gianluca Coluccia e Fiorino Ruggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

Torna su
LeccePrima è in caricamento