Inizia il processo "Bcc" e arrivano nuove intercettazioni

I colloqui depositati dal pubblico ministero Carme Ruggiero ai giudici della prima sezione penale del tribunale di Lecce riguardano il sindaco di Carmiano Giancarlo Mazzotta nell’ambito di un procedimento del 2017

CARMIANO - Nuove intercettazioni sono state depositate oggi durante la prima udienza del processo finalizzato a stabilire se è vero che le elezioni per il rinnovo del consiglio di amministrazione della Banca di Credito Cooperativo Terra D’Otranto nel 2014 furono condizionate dalla Sacra Corona Unita. I colloqui depositati dal pubblico ministero Carme Ruggiero ai giudici della prima sezione penale del tribunale di Lecce riguardano il sindaco di Carmiano Giancarlo Mazzotta nell’ambito di un procedimento del 2017.

Oltre a Mazzotta, al banco degli imputati siedono: Luciano Gallo, 50 anni, di Martano, Ennio Capozza, 62 anni, di Lecce; Giovanni Mazzotta, 53 anni, di Monteroni, alias Gianni Conad”; Saulle Politi, 46 anni, di Monteroni; Maria Grazia Taurino, 53 anni, di Carmiano.

A disporre il rinvio a giudizio era stato il giudice Sergio Tosi che invece aveva prosciolto altre tre persone dal reato di “illecita influenza sull’assemblea”, contestato anche al primo cittadino. Stiamo parlando del fratello di Mazzotta, Dino, 43 anni, di Carmiano, nelle vesti di direttore della filiale di Monteroni della Bcc; Tommaso Congedo, 43, di Monteroni, e il vicepresidente uscente Italo Potì, 82 anni, di Melendugno.

Il sindaco di Carmiano, accusato di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso, violenza privata e tentata concussione, si è sempre proclamato innocente, sostenendo di essere vittima di una vendetta politica.

In aula si ritornerà il 1° luglio.

Gli imputati sono difesi dagli avvocati Laura Minosi, Massimo Bellini, Luigi Rella, Francesco Paolo Sisto, Paolo Pepe, Andrea Sambati, Giampaolo Potì, Pantaleo Cannoletta, Paolo Spalluto, Ladislao Massari, Saveria Maria Perrone, Antonio Savoia, Francesco Caroleo Grimaldi e Carlo Sariconi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

Torna su
LeccePrima è in caricamento