homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Processo "Galatea2", condanna a tre anni e mezzo per Flavio Fasano

L'avvocato Fasano ha annunciato che si candiderà comunque alla carica di sindaco di Gallipoli nelle prossime elezioni amministrative

LECCE – Si è chiuso con cinque condanne e un’assoluzione (dopo nove ore di camera di consiglio), il processo di primo grado nato dall'inchiesta denominata "Galatea 2", che vede tra gli imputati Flavio Fasano, ex assessore provinciale e già sindaco di Gallipoli, condannato a tre anni e mezzo. Il pubblico ministero Elsa Valeria Mignone aveva chiesto, al termine di una lunga requisitoria, una condanna a sei anni per l’avvocato gallipolino (assolto da molti dei capi d’imputazione).

Condanna a due anni per Gino Siciliano, 73 anni ed ex amministratore della Lupiae Servizi; un anno e otto mesi per l'imprenditore Giovanni La Gioia, 39 anni di Trepuzzi, ex presidente della sezione Comunicazione di Confindustria; otto mesi per Michele Patano, all’epoca dei fatti direttore tecnico del Cotup. Assoluzione, invece, per Michela Corsi, 43enne di Roma, ex collaboratrice dell'autorità di vigilanza sui contratti pubblici. I cinque imputati rispondono a vario titolo di corruzione, turbativa d'asta, violazione del segreto d'ufficio e falso in atto pubblico.

DS-fasano-3-8Fasano era presente (come per ogni udienza) in aula e ha ascoltato, con grande tranquillità e serenità, la lettura della sentenza. Il politico salentino ha annunciato che si candiderà a sindaco di Gallipoli nelle prossime amministrativa.

Tra gli episodi contestati ed emersi nell'ambito dell'operazione Galatea: la gara d'appalto per la rimozione della cartellonistica pubblicitaria e la gestione degli spazi pubblicitari, bandita dalla Provincia di Lecce nel mese di dicembre 2008; e il progetto per la realizzazione dell'Istituto Nautico di Gallipoli, avviato dalla Provincia di Lecce nel 2009 (unico episodio per cui l'avvocato Fasano è stato condannato).

Si chiude dunque il primo atto di una lunga e complessa vicenda giudiziaria in cui accusa e difesa si sono fronteggiate sull’inutilizzabilità delle intercettazioni telefoniche. La difesa di Fasano ha anche presentato una dichiarazione (poi respinta) di ricusazione nei confronti del presidente del collegio giudicante, Roberto Tanisi. Bisognerà ora attendere il deposito delle motivazioni della sentenza per avere un quadro più preciso della vicenda. 

Fasano è assistito dagli avvocati Andrea Fares e Francesco Paolo Sisto. Nel collegio difensivo anche gli avvocati Pasquale e Giuseppe Corleto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (26)

  • Cara bavota gallipolina o " pausa " che dir si voglia, oggi Gallipoli ha bisogno proprio di quel Fasano a cui lei si riferisce, al Fasano che andava girando con il giubotto antiproiettile sotto la giacca, proprio perché aveva preso di petto i poteri forti di allora di petto, altroché! La mafia allora c'era eccome e tutti sappiamo sotto quale nome. Ecco, oggi per sradicare il clima esisistente, quell'aria di " a quai cumandu iou e fazzu comu e quiddhru ca oiu", ci vuole proprio quel Fasano, l'unico capace di prendere a calci in bocca questi quattro cachelli che credono di potersi permettere tutto. Solo chi ha paura che tutto questo venga interrotto, può avere timore di Flavio Fasano sindaco, la restante popolazione, tutte le persone oneste e disinteressate allo scempio che ci circonda, altro non aspettano se non un suo ritorno. Speriamo che avvenga al più presto, in modo tale che la città ritorni allo splendore che solo con lui sindaco ha vissuto e, che il bruttissimo lungo periodo di decadenza attraversato dopo di lui, altro non rimanga se non un bruttissimo ricordo. la saluto.

  • una considerazione.. non nascondo la delusione per la condanna di Flavio,ma nello stesso tempo sono consapevole del fatto che,effettivamente dopo di lui Gallipoli ha portato alla ribalta la mediocrita' piu' assoluta,ed e' un complimento,per cio' che riguarda la politica. a cominciare dagli pseudo dorotei ad arrivare all'ultima "puritana" amministrazione che ha dato il peggio del peggio. Fasano potrebbe far ripartire il "Sistema Gallipoli" da egli stesso abbozzato nel corso dellla sua esperienza amministrativa,conscio di una concreta esperienza e lungimiranza politica perche' niente si improvvisa!ed in questi ultimi anni l'improvvisazione e' stata palese. poi ognuno fara' la propria scelta,spero,consapevole. un'ultima considerazione,come si fa a sostenere uno come Salvini,che fino a ieri non interessava tutto quello che accadeva oltre il sacro Po. amici io vivo al nord e vi garantisco che il "razzismo" subdolo e strisciante e' sempre presente,con sfumature diverse,a volte piu' soft,ma sempre presente! quindi Flavio spero che tu possa a riprendere in mano le sorti del nostro invidiato "Scoglio",sicuro che con la tua esperienza possa dare quell'imput per far ripartire Gallipoli.

  • ...se passa il concetto patapin....patapam!...il discorso è proprio questo punto e basta. Dopo Fasano, Gallipoli è amministrativamente parlando morta, basta considerare che le ultime ed uniche opere pubbliche effettuate in città, sono da attribuire proprio a lui. <<<<<<<<<<dopo di lui solo un grande traffico di panettoni porta a porta, concessioni di licenze che in un paese civile mai si sognerebbero di dare e, permessi vari che hanno contribuito a creare quel clima di illegalità che si si respira in ogni angolo- si proprio così, la sensazione che chi comanda a Gallipoli siano un gruppo di persone che starebbero meglio al fresco, è talmente forte che non se ne può più. E' giunta l'ora di avere un sindaco che sappia dire basta a questi avanzi di galera, che sappia imporre le regole della comune convivenza e del rispetto reciproco, basta ai ricatti e alle sottomissioni, Gallipoli deve tornare a brillare di luce propria e dare a tutti le stesse possibilità di crescita economica e principalmente culturale. Ecco, se c'è una persona in grado di dare e fare tutto questo, FLAVIO FASANO è la persona giusta, perché l'ha già dimostrato in passato e, certamente lo rifarà, rimediando possibilmente a qualche probabile errore commesso in precedenza. VAI PER LA TUA STRADA Avv. FASANO!

    • Ma le licenze e le concessioni solo le amministrazioni post Fasano le hanno date? Scusi l'ignoranza, ma avrei piacere a capire questa circostanza.

      • Basta fare un po di Conticini egregio. Se consideriamo che Fasano manca dalla scena politica fa una quindicina d'anni più o meno e, contemporaneamente da quando è iniziato il degrado del territorio e lo scempio di " tavolino selvaggio" la risposta se la da, da solo. Anche Fasano ci avrà mess9 messo messo del suo, ma le successive amministrazioni sono fa censurare sotto ogni profilo.

        • Ok, allora voto Fasano.

    • Gentile signore , ignoro il concetto patapin .... patapan e non comprendo quando dice : “ il discorso è proprio questo PUNTO e BASTA . “. .... .... Ho anche io la sensazione che chi comanda a Gallipoli siano un gruppo di persone, e sono più che convinto che starebbero meglio altrove . .............. Le chiedo , cosa intende dire dicendo : “ rimediando possibilmente a QUALCHE PROBABILE ERRORE COMMESSO in precedenza.“...... ....... Sono stati commessi errori ? ... ..... ...... SI o NO ? ...... ..... .... Se si , quali ? ......... ........ Buona Domenica.

      • Gentile Veritas, mi riferivo al concetto espresso più in basso dal sig.Biagio. Riguardo agli errori commessi in passato, probabilmente un tantino in più di attenzione nel conferire gli incarichi a personale esterno e, alla eventuale squadra di governo locale da mettere in campo, tutto qui. Se andiamo a guardare nel dettaglio, sono gli errori che più gli sono stati contestati in passato, o sbaglio?..per il resto, le amministrazioni Fasano sono quelle che, insieme a pochissime altre, hanno lasciato dei segni indelebili sul territorio e sulle persone. Dico questo dal mio modestissimo e disinteressato punto di vista, ma con l'occhio attento a tutto ciò che quotidianamente accade in città e, sinceramente almeno le ultime tre amministrazioni comunali mi hanno fatto solo piangere da ogni punto di vista. Cordialmente la saluto.

        • un tantino in più di attenzione nel conferire gli incarichi a personale esterno e, alla eventuale squadra di governo locale da mettere in campo, tutto qui. Se andiamo a guardare nel dettaglio, sono gli errori che più gli sono stati contestati in passato, o sbaglio?...

          Certo che sbagli, non mi sembra che esista il reato di "disattenzione nel conferimento delle cariche amministrative". Piuttosto mi sembra che si contestino i reati di turbativa d’asta, rivelazione del segreto d’ufficio, falso, corruzione, concussione e abuso di ufficio, reati per i quali è stato processato e condannato a 3 anni e mezzo di reclusione. Gli si contestano i rapporti di collusione con i poteri mafiosi emersi da svariate intercettazioni telefoniche. Stiamo parlando di un candidato alla carica di sindaco, non a quella di capoclasse. Minerva viene tacciato d'inesperienza per la giovane età (ricordo che Fasano aveva 31 anni quando è stato eletto sindaco nel 1990, l'anno in cui ha fatto le scarpe a Foscarini), ma anche questo non mi pare sia ascrivibile come reato.

        • Il Soggetto di cui si parla è sempre lo stesso Sindaco che un pò di tempo addietro, prima di uscire dalla scena politica fece apporre sulla nostra Città, dal ministero dell'interno, il timbro di "Città Mafiosa" causando lo scioglimento del suo consiglio comunale? La conclusione delle indagini della magistratura non portarono ad un nulla di fatto? Lo scioglimento del consiglio comunale e il marchio di "Città Mafiosa" rimase, però, ben impresso ed indelebile sui cittadini di questa martoriata Città che stanno ancora pagando lo scotto. Da alcuni commenti che ho letto, tutto questo sembra passare in sordina. Questo, " Processo "Galatea2", condanna a tre anni e mezzo per Flavio Fasano - I cinque imputati rispondono a vario titolo di corruzione, turbativa d'asta, violazione del segreto d'ufficio e falso in atto pubblico „.“, è per caso uno scherzo di carnevale? A tutte quelle persone, ossia il quasi 60% che ultimamente non è andato più a votare, che voglio veramente bene a questa Città dico non rinchiudiamoci, usciamo fuori e di difendiamo a denti stretti e con orgoglio quello che di naturale è rimasto, c'è bisogno veramente di persone sane e volenterose. Scusatemi, questo è il appello. Grazie

  • Se passa il concetto che la città di Gallipoli peggio non potrebbe essere in questo momento, allora capirete perchè si rivaluta un Fasano ....per la serie; si stava meglio quando si stava peggio.

  • Sarebbe bello e mostrerebbero a tutti i cittadini la vera trasparenza, conoscere prima delle Elezioni tutti i nomi degli eventuali Assessori che ogni Candidato Sindaco ha intenzione di utilizzare per lavorare per il bene della Città.

  • Si è concluso con una condanna a tre anni e mezzo di reclusione nei confronti di Flavio Fasano, ex assessore ai Lavori pubblici della Provincia ed ex sindaco di Gallipoli, il processo di primo grado nato dall’inchiesta denominata “Galatea 2”. Leggo nell’articolo : “ Tra gli episodi contestati ed emersi nell'ambito dell'operazione Galatea: la gara d'appalto per la rimozione della cartellonistica pubblicitaria e la gestione degli spazi pubblicitari, bandita dalla Provincia di Lecce nel mese di dicembre 2008; e il progetto per la realizzazione dell'Istituto Nautico di Gallipoli, avviato dalla Provincia di Lecce nel 2009 (unico episodio per cui l'avvocato Fasano è stato condannato).“ Il Pm che in una lunga requisitoria basata sulle prove fornite dalle intercettazioni telefoniche ed ambientali, aveva sottolineato il ruolo fondamentale assunto nella vicenda da Flavio Fasano ed in generale dalla " POLITICA " che ne esce però decisamente " SCONFITTA " dal punto di vista dell'immagine, avendo contribuito ad instaurare un "REGIME DI CORRUZIONE " nella gestione della "COSA PUBBLICA ", ne aveva invocato una condanna a 6 anni, invece dopo 9 ore di camera di consiglio la condanna inflitta è stata 3 anni e mezzo. Chiaramente si ricorrerà in appello e ...... ai posteri la ..... sentenza . E la “ SEVERINO “ cosa dice ? Dice che non è incandidabile, ma, una volta eletto, potrebbe essere sospeso per un periodo di 18 mesi. Allora la domanda nasce spontanea . Quali sono le motivazioni che spingono una persona a RICANDIDARSI alla guida amministrativa di una città, cosi martoriata da anni e sempre alla ribalta della cronaca , per svariate vicissitudini , politiche e non , che nonostante la preparazione e competenza specifica nella materia ha frequentato le aule del tribunale come imputata di corruzione, turbativa d’asta, rivelazione del segreto d’ufficio e falso in atto pubblico. ? Gallipoli può accettare nella malaugurata ipotesi di elezione a sindaco la sospensione di 18 mesi ? In che cosa può giovare l’esperienza passata ai gallipolini , se l’episodio per cui è stato condannato l’avvocato è stato il progetto riguardante l’istituto Nautico di Gallipoli ? Con quali esempi e comportamenti può sconfiggere mafia , sacra corona , malaffare e malgoverno esistenti in città ? Si può mai dare il consenso al migliore in una marea di loschi figuri? Da gallipolino pulito e disinteressato al “ magna magna “ come dice altro commentatore , mai e poi mai potrei dare il mio consenso a persone spinte da personalismi che tentano di mostrarsi quelle che poi dimostrano di non essere .

    • É stato assolto propio dall'imputazione sul Nautico. Nonostante la condanna si candida perché si ritiene innocente, perché lo dimostrerá nei successivi gradi di giudizio e petché confida che la Corte Costituzionsle porrá fine all'iniquità della legge Severino, che ricordiamocelo si deve pronunciare ancora sulla questione posta dal governatore della Campania. L'imputato si considera innocente fino a sentenza passata in giudicato. Mi pare che dica la legge italiana.

      • Gentile signore, .............. dove rileva che è stato assolto proprio dall’imputazione sul Nautico ? ....... Nell’articolo , mi sembra di leggere e comprendere che : “ Tra gli episodi contestati ed emersi nell'ambito dell'operazione Galatea: la gara d'appalto per la rimozione della cartellonistica pubblicitaria e la gestione degli spazi pubblicitari, bandita dalla Provincia di Lecce nel mese di dicembre 2008; e il progetto per la realizzazione dell'Istituto Nautico di Gallipoli, avviato dalla Provincia di Lecce nel 2009 ( UNICO EPISODIO PER CUI L’AVVOCATO E’ STATO CONDANNATO ) .“.............................. E’ chiaro e quindi probabile che le cose potrebbero cambiare in appello , ma ........ nella ipotesi negativa per l’avvocato , Gallipoli puo’ mai aspettare una sospensione ( SEVERINO ) di 18 mesi che rappresenta due stagioni estive “ ESTATE 2016 e 2017” ? . A meno che, VOLUTAMENTE , LE LOBBIES , “ VERO CANCRO GALLIPOLINO “ DEVONO ESSERE E RESTARE SEMPRE SOVRANE.

  • Alla fine la gente preferisce Fasano che politici che sembrano perbene ma che non combinano nulla.

  • Condannato in primo grado per una vicenda nota, trita e ritrita. Fa benissimo a candidarsi nonostante ciò, perché la camorra e il malgoverno esistenti in città, li può sconfiggere solo uno con il carattere di Fasano. E poi, l'esperienza passata, altro non può se non giovargli e giovarci. Rimane sempre il migliore in mezzo alla marea di loschi figuri che si sono succeduti e, che ancora circolano nella politica (hic!!) locale. Forza Fasano!!..non demoralizzati e vai avanti per la tua strada, i gallipolini puliti e disinteressati al magna-magna, dono tutti con te.

  • Se Fasano rispecchierà il gallipolino medio lo diranno le urne.

  • L'avvocato Fasano ha annunciato che si candiderà comunque alla carica di sindaco di Gallipoli nelle prossime elezioni amministrative“ CERTO CHE CE NE VUOLE DI FACCIA TOSTA per dire una cosa del genere! Ora mi raccomando cittadini di Gallipoli, votatelo eh! Poi lamentatevi di come Gallipoli stia diventando invivibile. Mi raccomando, votatelo e poi lamentatevi eh!

    • In linea di massima sono d accordo anch io che chi ha avuto problemi con la giustizia dovrebbe farsi da parte ,ma come tutti noi nella vita capita di fare errori.

  • Si candida lo stesso? ... Bene: ora la palla passa alla gente. Si vedrà ancora una volta quanto i gallipolini siano rispettosi della legalità. Ma al di là di tutto la storia è un'altra: la città ha bisogno come il pane di un sindaco che la governi nel rispetto della collettività e della gente per bene, non dei soliti innominabili e delle loro "intimidazioni". Finora son cambiate le bandiere politiche, ma a vincere è sempre stato il partito solito ombra, quello che si vede da decenni di abusi e favori ai "poteri occulti". Il giorno in cui arriverà un sindaco che prenda esempio dall'attuale commissario, sarà già un passo avanti, peccato non si possa chiedere ad Aprea di restare per 5 anni. Le speranze per quanto mi riguarda sono ormai sepolte.

  • Chi non cammina non inciampa mai.....\, lontano da me dal dare sentenze in merito alla questione , si sa che chi si impegna in Politica rischia sempre di rimetterci perchè nel mondo funziona così, io invece di una cosa sono certo, e cioè condanno chi non si impegna e se ne sta nascosto nelle sue fresche ville alberate e non si espone mai ! troppo facile la vita così .

  • E nonostante condanne varie,e tutte le vicissitudini di questo ingarbugliato processo, lui si candita a governare ancora la citta? E proprio il "bel paese"

    • ...non è che in sede elettorale chi vota lo trascini come Cristo con la catena e la croce sulla schiena....e dai ! dipende poi dalla gente valutare .

  • La fine dell'avversario. Fasano...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Stai zitta". Rinchiusa in una stanza, rapina nel bar in piena notte

  • Otranto

    Il veliero affonda a tre miglia da Punta Palascia. Salvati in 52 dopo il “mayday”

  • Otranto

    La "maledizione" dell’Adriatico: brucia un altro yacht nelle acque di Otranto

  • Politica

    Il carico tributario per i leccesi è di 809 euro, tra i più alti d'Italia

I più letti della settimana

  • Yacht finisce in fiamme a 2 miglia da Otranto, salvati i tre a bordo

  • Violento tamponamento, intera famiglia in ospedale: bimbo di 2 anni in Rianimazione

  • Schianto in curva contro il muretto a secco: grave una 24enne

  • Tragedia nella pineta di Orte, 43enne trovata impiccata ad un albero

  • La "spaccata" fallisce, inseguimento di notte a 200 chilometri orari

  • Oltre duemila ricci pescati nella riserva marina: denunciati in tre

Torna su
LeccePrima è in caricamento