Procura indaga sulla morte dell'avvocato Mormando, disposta l'autopsia

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire se vi siano eventuali negligenze del personale medico dell'ospedale Vito Fazzi

LECCE – Sarà l’inchiesta della Procura del capoluogo salentino a fare luce sulle cause della morte dell’avvocato leccese Vittorio Mormando, 79 anni il prossimo 15 ottobre, deceduto sabato scorso dopo una lunga odissea sanitaria e otto ore trascorse nell’ospedale Vito Fazzi, dove si era recato per sottoporsi ad alcuni controlli e accertamenti clinici. A dare avvio alle indagini la denuncia presentata dai famigliari dell’uomo, che chiedono di sapere modalità e cause di una morte tanto improvvisa quanto inaspettata.

Il sostituto procuratore di Lecce, Francesca Miglietta, ha disposto l’esame autoptico sul corpo dell’uomo, che sarà eseguito nei prossimi giorni, dopo l’identificazione del personale medico che ha avuto in cura l’uomo e la relativa iscrizione nel registro degli indagati. L’iscrizione è, comunque, un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico. Gli indagati, infatti, potrebbero nominare un consulente da affiancare a quello designato dalla Procura e dalla famiglia.

Secondo quanto denunciato, tutto avrebbe avuto inizio sabato mattina quando il 79enne, dopo aver consultato il proprio medico, ha raggiunto il Pronto soccorso del nosocomio leccese per sottoporsi ad alcuni accertamenti. Esami che si sarebbero prolungati per diverse ore. Poco prima delle 18 le condizioni di salute del paziente si sarebbero aggravate, tanto da portare al decesso.

L’avvocato Mormando era molto noto e stimato, non solo per gli oltre cinquant’anni trascorsi nel mondo dell’avvocatura, ma per i diversi ruoli ricoperti nella Figc. Il presidente Tavecchio, a nome dell’intera Federcalcio, ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa dell’avvocato, presidente della Commissione Carte Federali. Mormando ha ricoperto anche la carica di Consigliere Federale per più di un mandato. “Il calcio italiano perde una figura di grande spessore – ha dichiarato il presidente Tavecchio - una persona seria che amava questo sport per il quale ha contribuito ad aggiornarne le normative federali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Assunzioni in Sanitaservice: pubblicato il bando per 159 posti

  • "Mi sta picchiando". Viene fermato due volte poco prima dell'alba e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento