Viavai sospetto e si scopre una prostituta straniera. Irregolare in Italia

Il commissariato di Otranto ha espulso una colombiana 46enne. La donna esercitava a Poggiardo. Ma non aveva permesso di soggiorno

POGGIARDO – Gli appostamenti sono nati dopo una serie di segnalazioni di cittadini al commissariato di polizia di Otranto. Troppi movimenti sospetti, nei pressi di un’abitazione di Poggiardo. Così, si è scoperto che in quella casa c’era una donna, di nazionalità colombiana, che esercitava la prostituzione.

Il viavai in casa di O.G., 46enne, era quotidiano, specie nelle ore pomeridiane e serali. I poliziotti hanno annotato tutti i giri, scoprendo come l’accesso avvenisse dopo brevi telefonate. Alcuni uomini, una volta fermati per essere assoltati, hanno confermato di avere avuto rapporti sessuali con la colombiana, previo pagamento di una somma di denaro e di avere concertato incontri e tariffe direttamente con la prostituta.

La circostanza ha permesso di escludere il coinvolgimento di altre persone. Quindi, nessun caso di sfruttamento o favoreggiamento della prostituzione. Tuttavia, la donna è risultata priva di permesso di soggiorno. La sua presenza sul territorio nazionale, irregolare e non più sanabile. Accompagnata presso il commissariato di Otranto per gli accertamenti di rito, è stata poi trasferita presso il centro di Ponte Galeria, a Roma, per il successivo rimpatrio nel Paese di origine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento