Rapina all'alba, il benzinaio fugge e chiede aiuto a un automobilista

Paura sulla Novoli-Villa Convento, al distributore Metano. L'addetto, minacciato con pistola, è stato inseguito nei campi e derubato del cellulare. I due hanno poi tentato di aprire la cassaforte, ma senza riuscirvi

La volante sul posto questa mattina.

LECCE – Inseguito nelle campagne, rapinato del cellulare perché non potesse chiamare soccorso e lasciato per terra, con escoriazioni. Per poi cercare di terminare il “lavoro”. Volevano aprire la cassaforte dell’ufficio, i rapinatori. Speravano di racimolare un bel gruzzolo. Ma l’impresa non è riuscita. Si sono accorti che la vittima, nel frattempo, si era risollevata da terra, era corsa verso la strada ed era riuscita a fermare un automobilista di passaggio. A quel punto, immaginando che stavano partendo telefonate alle forze dell’ordine, i malviventi sono fuggiti, a bordo di uno scooter.

L'assalto all'alba al distributore Metano

Mancavano pochi minuti alle 6 del mattino. L’area di rifornimento Metano sulla provinciale Novoli-Villa Convento aveva appena aperto. Ma i primi affacciatisi erano tutt’altro che clienti. In due, con pistola (forse un giocattolo senza tappo rosso), volti coperti da caschi, sono arrivati sul posto con uno scooter nero e hanno minacciato il dipendente. Il malcapitato, tuttavia, è riuscito a fuggire verso le campagne. I due non hanno demorso e, anzi, l’hanno inseguito, fin quando l’uomo è caduto in mezzo alla terra e alla vegetazione. A quel punto, gli sono saltati addosso e gli hanno sottratto il cellulare, per poi tornare indietro.

2-43-5"I rapinatori sono là dentro"

Dopo qualche istante di stordimento, però, l’addetto s’è rialzato e ha raggiunto la provinciale. Sbracciando e urlando, è riuscito a fermare un automobilista che stava raggiungendo Lecce per lavoro e l’ha messo al corrente di quanto avvenuto. “Sono ancora là dentro”, ha spiegato il benzinaio al suo soccorritore, indicando l’ufficio. Si notava da distanza uno dei soggetti, con il casco in testa. E’ stato composto il 112, numero della centrale operativa dei carabinieri, anche se sul posto è stata poi smistata la polizia.

Sul posto è arrivata la polizia

Le volanti sono arrivate poco dopo, ma intanto i malviventi erano già fuggiti. Avendo sentito le urla per strada e probabilmente visto anche l’automobilista che si fermava, hanno tagliato la corda, in direzione di Villa Convento, frazione metà leccese e metà novolese. La cassaforte non è stata aperta. Hanno solo racimolato pochi spiccioli che si trovavano sul bancone. Presso il distributore sono poi arrivati anche gli operatori del 118 in ambulanza per medicare la vittima della rapina. Davvero un inizio di giornata da batticuore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

  • Assalto al postamat, 112 rintraccia due auto: banditi disseminano chiodi a quattro punte

Torna su
LeccePrima è in caricamento