Rapina e tentata estorsione, i quattro arrestati in silenzio dinanzi al gip

Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere. Sono accusati del colpo messo a segno nell'ufficio postale di Merine l'1 ottobre

Un'immagine della rapina.

LECCE – Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere i quattro arrestati per la rapina messa a segno nell’ufficio postale di Merine lo scorso primo ottobre. Si tratta di Vincenzo Bleve, 49enne; Vito Bleve, 54enne; Dario Fai, 51enne e Pierpaolo Fai, 45enne, tutti di Tuturano, comparsi dinanzi al gip per l’interrogatorio di garanzia. A dare avvio all’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Lecce e denominata "Rent-a-car", la tentata estorsione ai danni di un imprenditore agricolo. Ai quattro è contestata la rapina e la minaccia con armi comuni e da guerra.

Vincenzo Bleve, Dario e Pierpaolo Fai, sono accusati anche della tentata estorsione, aggravata da modalità mafiose, ai danni del titolare di un’impresa agricola del Brindisino. Si sarebbero presentati nella sua tenuta definendosi come “quelli della Scu. Alla vittima avrebbero chiesto denaro in cambio di protezione, una sorta di assicurazione contro qualsiasi tipo di evento con la garanzia che a proteggere l'azienda, ci sarebbero stati loro, riconducibili alla frangia tuturanese della Sacra corona unita. A capo del gruppo ci sarebbe Vincenzo Bleve.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In due hanno fatto irruzione nell'ufficio postale con un fucile a canne mozze e un kalashnikov.  I rapinatori, dopo aver costretto i clienti a stendersi sul pavimento, hanno costretto gli impiegati a consegnare il denaro, per poi avanzare la stessa, prepotente richiesta anche al direttore della filiale, costretto a cedere le chiavi della cassaforte: in tutto, sono riusciti ad asportare poco più di mille euro, per poi fuggire a bordo di una Lancia Delta di colore scuro, guidata dagli altri complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento