Bar distrutto per estorsione e rapina con mazze da baseball e ordigno

A Casarano arrestati due soggetti autori di una lunga serie di reati, compresi furti e ricettazione. Ma il culmine è stato un raid devastante per ottenere denaro da un commerciante. I carabinieri li hanno incastrati dopo indagini

CASARANO – Si sono presentati la mattina del 4 ottobre scorso nel Bar Anthony e hanno iniziato a bere birra. “Qui non paghiamo”, hanno detto. Poi, hanno presentato loro, piuttosto, il conto. Volevano denaro, qualche centinaio di euro, fissando un appuntamento per quello stesso pomeriggio nei pressi della chiesa della Madonna della Campana, sulla collina da cui si domina Casarano.

Un’estorsione bella e buona, probabilmente la richiesta della prima di una lunga serie di rate che avrebbero potuto pretendere ogni mese. Ma all’appuntamento non si è presentato nessuno e così, nel primo pomeriggio, sono tornati alla carica. Per far capire che non scherzavano.

Il raid nel bar con mazze e ordigno

Felpe con cappucci, hanno trovato all’interno il figlio del titolare. Lo stresso incontrato in mattinata. Entrambi impugnavano mazze da baseball. Hanno preteso (e a quel punto ottenuto)  il registratore di cassa contenente l’incasso della mattinata. E, non contenti, hanno iniziato a sfasciare le vetrine d’esposizione e i mobili. E non era ancora nulla. Il “tocco” finale, è stato un ordigno, fatto esplodere dentro il locale. Provocando danni ingenti. Quando i due sono fuggiti, il bar sembrava il set di un film di guerra.

Estorsioni e rapine sono un cancro che va stroncato sul nascere, prima che diventino metastasi. E, nella vicenda in questione, sono arrivati gli oncologi giusti, i carabinieri del Nucleo operativo di Casarano, con l’ausilio dei colleghi della stazione. I quali, con il coordinamento nelle indagini del pubblico ministero Luigi Mastroniani, hanno individuato quali autori di tutto Francesco  Memmi, 30enne, e Luigi Tartaglione, 50enne, entrambi  del posto (anche se il secondo, formalmente, ha residenza a Ugento).

Già esperti in furti e ricettazione 

MEMMI Francesco-2Le indagini sono andate avanti per diverso tempo, accertando anche altri episodi a carico dei due, precedenti allo scenografico raid nel bar. Soprattutto Memmi, si sarebbe dato da fare nel ramo dei furti. Il 19 agosto avrebbe tentato di rubare furto in un’abitazione di via Marsala, rompendo una finestra. Ma, scoperto dalla vittima, era subito scappato senza spingersi oltre.

Pochi giorni dopo, il 22 agosto, avrebbe forzato la portiera anteriore destra di una Lancia Y di una 33enne casaranese, parcheggiata in via Corte San Giuseppe, rubando la borsa custodita nell’abitacolo con denaro contante. Ancora, il 1° ottobre scorso, Memmi sarebbe tornato alla carica in una casa, questa volta in via Padre Chetry. Rompendo sempre una finestra, infilandosi in camera da letto e portando via diversi monili d’oro di proprietà di una 53enne.

TARTAGLIONE Luigi-2Tartaglione, invece, dovrà rispondere di ricettazione. L’8 ottobre, quindi qualche giorno dopo l’assalto al bar, avrebbe consegnato un anello in oro giallo con pietra azzurra,  proveniente da un furto in abitazione avvenuto il 1° ottobre, a un negozio di “compro oro” di Casarano. I militari hanno recuperato il prezioso anello, restituendolo alla proprietaria, che li ha ringraziati di cuore: al di là del valore economico, era soprattutto un cardo ricordo a cui teneva molto.

Accusati di una lunga sfilza di reati

Chiusa la fase investigativa sul loro conto, questa mattina è scattata l’operazione ribattezzata significativamente “Breaker bar”. I due sono stati rintracciati e trascinati in carcere, su ordine del gip del Tribunale di lecce. Rispondono di rapina, estorsione, danneggiamento in concorso e aggravato, oltre che – singolarmente – di furto e tentato furto l’uno e ricettazione l’altro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • si sarebbe invece dovuto presentare all'appuntamento,ma con qualcosa di altro al posto del pizzo. Questa naturalmente e' UNA Mia modesta opinione.

  • Letterina a Babbo Natale da consegnare a che dovrà decidere.Signor giudice,ci faccia fare almeno le feste fino all'Epifania più tranquilli.E' chiaro che sarebbe un regalissimo per la nostra città se potessimo fare più tranquille quelle per i prossimi 10-15 anni.Le saremmo eternamente grati.E poi,guardi un pò chi le ha recapitato la lettera.Grazie.

  • Vergogna per l'umanità

  • Che mssculi.....

  • A mio modesto avviso il Giudice dovrebbe disporre immediatamente la vendita di qualsiasi bene di proprieta' di questi farabutti imbecilli, in modo tale da ripagare i danni a chi si alza tutte le mattine alee 5 per poter campare e andare avanti, poi il processo per direttissima con condanna a 5 anni di lavori forzati a pane e acqua.

  • La pena giusta per questi due sarebbe l’ergastolo e farli lavorare in galera per ripagare i danni. Ma naturalmente con la mala giustizia italiana domani saranno di nuovo liberi e i poveri disgraziati titolari del bar a sgobbare per riparare i danni.

  • rifiuti della società 

  • buttate la chiave

  • sicuramente il giudice di turno domani li mettere in libertà o nella peggiore delle ipotesi agli arresti domiciliari.

  • Corruzione, estorsioni e mafia pene severissime !!

Notizie di oggi

  • Attualità

    Un leccese su tre è a rischio povertà: il lato oscuro del Natale fotografato da Caritas

  • Cronaca

    La notte dei ladri: due spaccate di fila con l'auto lanciata come ariete

  • Gallipoli

    Fiamme su'auto in centro, danneggiate anche le attrezzature di due locali

  • Attualità

    Interconnessione con Tap, tra un mese l'avvio dei lavori per il metanodotto Snam

I più letti della settimana

  • Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Forte boato squarcia il Nord Salento. L'Aeronautica: "Un bang sonico"

  • Non risponde, chiamati i vigili del fuoco: trovato morto in casa a soli 39 anni

  • Inchiesta "sesso & giustizia", il pm in carcere interrogato oltre un'ora

  • Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

Torna su
LeccePrima è in caricamento