Rifiuti abbandonati davanti alla spiaggetta. Lo sdegno del sindaco su Facebook

Il primo cittadino di Porto Cesareo, Salvatore Albano, ha denunciato l’abbandono di scarti sul marciapiede, in un punto di passaggio. Individuato il responsabile

L'immagine dei rifiuti abbandonati nelle ultime ore.

PORTO CESAREO – Abbandono di rifiuti anche nel clou dell’estate.  “Questo è il dono con cui un locale commerciale di Porto Cesareo ha deciso di augurare buon Ferragosto ai turisti che hanno deciso di trascorrere la giornata sulla spiaggetta, nel paese. Puliremo anche questa vergogna, ma non prima dei dovuti controlli, che hanno già portato all'individuazione del responsabile”.

Sono le parole del primo cittadino del borgo ionico, Salvatore Albano che, attraverso la sua pagina Facebook, ha denunciato l’accaduto delle ultime ore. Un cumulo di rifiuti di vario genere, lasciato sulla strada in “bella” vista, proprio in uno dei punti più gettonati dai bagnanti.  Diversi cittadini si sono infatti rivolti all’amministrazione per segnalare il comportamento incivile dell'autore del gesto. Quest'ultimo è stato poi identificato e nei suoi confronti scatterà un provvedimento penale. 68754982_701272546963513_5323788525202571264_n-2

Anche nelle scorse settimane il municipio, attraverso testimoni e fototrappole, ha incastrato i cittadini “sporcaccioni”, poi denunciati per quell’atteggiamento incivile e poco responsabile nei confronti dell’ecosistema e del paesaggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento