Riforma ordinamento delle carceri: a Lecce 176 detenuti in sciopero della fame

Adesioni anche dal penitenziario di Borgo San Nicola all'iniziativa del Partito Radicale, fino al 18 settembre in Puglia con la "Carovana per la giustizia"

LECCE – Sono 176 i detenuti a Borgo San Nicola coinvolti nell’iniziativa di protesta per chiedere l’attuazione della riforma dell’ordinamento penitenziario.

Digiuno, sciopero della spesa e rifiuto del carrello sono le misure adottate da 754 reclusi in tutta la Puglia, di cui 484 nel solo carcere di Foggia. In tutta Italia gli aderenti sono 8mila, informa il partito radicale che dopo le tappe in Calabria, Sicilia e Sardegna, dal 11 al 19 settembre porta in Puglia la “Carovana per la Giustizia” in collaborazione con l’Unione delle Camere Penali. Della carovana fanno parte Rita Bernardini e Sergio D’Elia, coordinatori della presidenza.

Numerosi gli obiettivi dell’iniziativa, che consisterà in dibattiti i visite agli istituti penitenziari: l’adesione alla raccolta firme sulla proposta di legge delle Camere Penali per la separazione delle carriere dei magistrati, arrivata già a oltre 63mila sottoscrizioni; amnistia e indulto; superamento di trattamenti crudeli e anacronistici come il regime del 41 bis e il sistema dell’ergastolo, a partire da quello ostativo; approvazione dei decreti delegati della riforma dell’ordinamento penitenziario; Il Partito Radicale punta ad arrivare a 3mila iscritti entro il 31 dicembre 2017 per continuare le lotte di Marco Pannella.

Maurizio Turco, membro della presidenza del Partito Radicale, ha commentato : “l’obiettivo dei tremila iscritti è stato fissato dalla mozione approvata il 3 settembre scorso dal 40°esimo congresso straordinario, convocato dagli iscritti dopo la scomparsa di Marco Pannella; questo obiettivo va raggiunto e dovrà essere riconfermato anche nel 2018,pena l’autoscioglimento del partito stesso. Al momento abbiamo superato i 1800 iscritti, nonostante la censura mediatica che ci coinvolge e che coinvolge l'intero tema giustizia, tranne nell'emergenza. Si è deciso di non parlare di giustizia perché questa giustizia reazionaria è sempre più un problema che necessita di riforme radicali”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • si vede ca nun tenune fame...

  • Il valore di un paese si giudica prima di tutto da quanto riesca a difendere la vita è i beni dei suoi cittadini dai delinquenti; poi viene tutto il resto e per ultimo il benessere di chi ha sputato sulle leggi. Qualcuno che da sempre pesca nel torbido per scopi elettorali, perchè solo la riescono a trovare voti, si preoccupa invece esclusivamente del benessere di chi delle leggi se n'è strafregato alla grande. Il nuovo governo dovrà impegnarsi a costruire nuove case di pena e annullare tutti quei provvedimenti scellerati che hanno ristretto il vero carcere a casi eccezionali, permettendo a fior di delinquenti di continuare la loro attività criminale, in barba agli intenti dei politicanti che con i domiciliari credevano di aver ottenuto la "botte piena e la moglie ubriaca".

  • fatelo per qualche settimana lo sciopero della fame! almeno le tasse che PAGO serviranno a qualcosa di più necessario. se sbagli devi pagare. abrogare subito: indulto, amnistia e buona condotta; abbellite le carceri con muretti a secco e furnieddhi. solidarietà alla Penitenziaria

  • Amnistia? Indulto? Che ci provino e poi vedranno le ricadute elettorali. Devono costruire nuove carceri e assumere altro personale: esempio di investimento pubblico con ottime ricadute per la società. Il 41 bis ha permesso di sconfiggere la mafia ed è una conseguenza delle stragi di mafia. L'ergastolo viene usato raramente (in appello viene quasi sempre ridotto a 20 anni) e solo per soggetti di elevatissima pericolosità.. e serve alla società!

  • lo sciopero è un diritto conquistato con il sangue dai lavoratori. Carcerati e chi ha violato la legge, ha perso questo diritto fino a che non ha pagato il conto con la società. Un conto sono i diritto umani, un altro quelli sociali riservati AI CITTADINI. Carcerati che scioperano a che siamo arrivati, è ridicolo. Prima pagate il debito con la società, POI tornate reali cittadini e persone per bene, e POI scioperate.

  • benvengano queste iniziative. un grande diceva che il valore di un paese si giudica dalle proprie carceri. Quindi noi stiamo a livello di paesi africani. Bisogna cambiare radicalmente sopratutto per le povere guardie che sono allo stremo come d'altronde tutte le forze dell'ordine.

Notizie di oggi

  • settimana

    Un 54enne muore poco dopo il ricovero: i parenti sporgono denuncia

  • Cronaca

    Piromani in azione nelle ultime ore: due vetture distrutte dal fuoco

  • Politica

    Congedo archivia le trattative con Poli Bortone e punta a cavalcare l’onda

  • Galatina

    L'Aeronautica festeggia il suo compleanno: porte aperte ai visitatori

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nei pressi della “curva della morte”: perde la vita un 36enne

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Va a prendere il figlio maggiore e scopre che l'altro è chiuso nello scuolabus

  • Truffe ad Inps anche coi bonus "Renzi": indagati due professionisti

  • Si schianta sul muro e finisce in prognosi riservata: era ubriaca

  • “Appena esco ci ritorno”. Ladro mantiene la promessa, di nuovo arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento