Rigettata la richiesta di revoca: Attilio Monosi rimane in regime di domiciliari

Durante l’interrogatorio, l’ex assessore si era dichiarato estraneo alla politica e aveva manifestato la volontà di tornare a lavorare, ma per il giudice Gallo la sua “rete di conoscenze” è troppo rischiosa

Attilio Monosi.

Attilio Monosi, finito al centro dell’inchiesta sulle case popolari assegnate in cambio di voti, non è riuscito, neppure stavolta, a riprendersi la libertà. Il gip (giudice per le indagini preliminari) Giovanni Gallo ha rigettato la richiesta di revoca della misura o quanto meno di permessi per ritornare a lavorare, avanzata giovedì scorso dall’ex assessore e consigliere comunale, durante l’interrogatorio, che si è svolto alla presenza dei suoi avvocati Luigi Covella e Riccardo Giannuzzi.

Le motivazioni del giudice ricalcano quelle già espresse al riguardo dal Tribunale del Riesame che, nell’ordinanza depositata lo scorso ottobre, aveva così puntualizzato: “Monosi ha svolto il ruolo di consigliere comunale sin dal 2002, e nel tempo, ha intessuto una rete di rapporti così consolidati che è riuscito ad imporre le proprie decisioni illegittime, tese a favorire persone appartenenti al suo elettorato, anche a funzionari estranei alla contestata associazione, i quali eseguivano le “direttive” di Monosi, pur consapevoli della loro illegittimità, solo per l’autorevolezza della fonte da cui promanavano”.

E ancora: “Nonostante le dimissioni da consigliere, l’indagato ha ancora la possibilità di reiterare condotte offensive dei medesimi beni giuridici, approfittando della rete di complicità in seno alla compagine dell’ente in cui ha operato per anni”.  Monosi al giudice Gallo aveva chiesto quanto meno di poter riprendere l’attività di commercialista, ma per concedere un’autorizzazione di questo genere è necessario dimostrare lo stato d’indigenza (così come stabilito dall’articolo 284 comma 3 del codice di procedura penale).

Rispetto all’attività lavorativa, sempre i giudici della Libertà nell’ordinanza con la quale avevano confermato gli arresti domiciliari, avevano chiarito di non poter accogliere neppure l’istanza di una misura meno gravosa perché “alcuni dei soggetti favoriti erano clienti di Monosi”.

Sarà fissata nei prossimi giorni la data dell’udienza preliminare nei riguardi dell’ex consigliere e di altre 46 persone, indagate nella stessa inchiesta condotta dai pm Roberta Licci e Massimiliano Carducci con gli uomini della Guardia di Finanza. Tra questi, a rischiare il processo, ci sono altri due politici leccesi, Luca Pasqualini e Antonio Torricelli, e il funzionario Pasquale Gorgoni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • "...riprendere l'attività di commercialista…". Con i computer, le reti, la fibra, i software e gli hardware che sono oggi disponibili, il "commercialista" si può fare standosene tranquillamente tra le mura della propria casa (ai domiciliari).

  • spero per voi Leccesi che alle prossime elezioni saprete scegliere il male minore, perchè viste le prospettive siete messi male

  • Non stanno perdendo tempo. Un consigliere dimissionario di opposizione ha già provveduto a mandare via whatsapp ai suoi conoscenti un messaggio chiedendo il sostegno elettorale per le prossime elezioni comunali. Senza ritegno!!!!

  • Uno dei futuri assessori. Lecce merita questo

  • il Governo Gialloverde dovrebbe imporre una seria Patrimoniale che faccia risultare sconveniente accumulo di ricchezze oltre un certo limite.

    • questo mi sembra un pensiero da Pidiota, anche se mo se oggi ormai se la fanno con i ricchi! La ricchezza non è una cosa brutta, io la augurerei a tutti e la povertà specilmente quella mentale che mi preoccupa e oggi c'è ne tanta!

      • Signor Toto' ..Premesso che non sono idiota mi preoccupano molto quelli come Te che pensano "Bonu yeu Boni Tutti "

  • In occasione delle dimissioni di Salvemini, perrone è in prima fila. Il sindaco più amato d'Italia, come la cucina scavolini! Ma pasqualini e monosi indagati per un po' di reati erano assessori con quale sindaco? Forse con Salvemini? E perrone, se non c'entra, mi pare un po' pollo, visto che gliene facevano di tutti i colori sotto il.... NASO!!!! Poveri noi (leccesi) !!!!

  • Ho fiducia nella Magistratura e spero che vadano sino in fondo. Sarebbe una cosa meravigliosa per Lecce applicare la giustizia. Con le elezioni che ci saranno so già che parleranno di "giustizia a orologeria" e che sono perseguitati politici per le loro idee! Ma quali idee?

  • Peccato nn si potrà nemmeno candidare.....che iella

  • adesso si andrà a votazioni a maggio se vincerà la destra Metterà tutto a tacere

  • E' meglio rinviare a dopo la consultazione elettorale delle amministrative leccesi.

  • si si tutti a casa, con i taralli e con il vino e senza restituire un centesimo o pagare il dovuto. Tanto poi se si ricandidano i leccesi li votano pure ed esultano.

  • Eravamo 4 amici al bar, che volevano cambiare il mondo!!!

Notizie di oggi

  • Politica

    “Un sindaco da solo non cambia la città. Piazzale Cuneo ce lo insegna”

  • Politica

    “Per me voto disgiunto da tutte le coalizioni”. La scommessa di Adriana

  • Cronaca

    Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Cronaca

    "Chronos", accusati di assenteismo: chiuse le indagini su 17 dipendenti

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento