Rompono la vetrina e rubano la cassa nel negozio di abbigliamento intimo

Il furto all'alba a Monteroni di Lecce, “La rosa blu” di corso Umberto I. Sul posto la vigilanza ha chiamato i carabinieri della stazione. Il danno è da quantificare, ma sono scomparsi solo i soldi e non la merce. Non ci sono però videocamere di sorveglianza

Repertorio.

MONTERONI DI LECCE – Probabilmente è superiore il danno arrecato all’attività del bottino stesso racimolato. I ladri hanno infatti mandato in frantumi la porta finestra d’ingresso (accanto vi sono altre due vetrate) del negozio di abbigliamento intimo “La rosa blu” di Monteroni di Lecce ed hanno arraffato il cassetto del registratore di cassa, dopo averlo estratto dall’alloggiamento.

Il negozio si trova all’incirca verso la metà di coso Umberto I, lunga strada cittadina che passa attraverso quasi tutta Monteroni, collegando il centro direttamente con via Copertino, alla periferia. Dunque, è possibile che siano fuggiti proprio in quella direzione i ladri, dopo ave colpito all’alba oggi. Una volta entrati hanno soltanto preso il cassetto con una somma ancora da quantificare. Non sembra che abbiano portato via altro, anche perché l’allarme ha fatto sopraggiungere i vigilanti della Fidelpol, i quali hanno segnalato per primi ai carabinieri della stazione locale l’effrazione.

I militari hanno eseguito il sopralluogo con il proprietario, un 36enne monteronese, accertando peraltro che il negozio non è dotato di sistemi di videosorveglianza e questo rende più difficile la ricostruzione precisa dei fatti, del numero di malviventi e dell’oggetto usato sia per farsi largo all’interno (all’occorrenza, potrebbe essere stata una mazzuola) e del veicolo per la fuga.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento