Una lite e aggredisce l'anziana madre facendola svenire: arrestato 52enne

L'ennesima, triste storia che ha come protagonisti un uomo e sua madre, questa volta addirittura una vedova 82enne, arriva da Ruffano, dove Salvatore Leone, 52enne, avrebbe persino usato un panno per tappare la bocca della malcapitata. I vicini hanno immediatamente avvisato i carabinieri

Redazione 25 marzo 2014
4

RUFFANO – L’ennesima, triste storia che ha come protagonisti un uomo e sua madre, questa volta addirittura una vedova 82enne, arriva da Ruffano, dove Salvatore Leone, 52enne, avrebbe persino usato un panno per tappare la bocca della malcapitata, forse con l’intenzione di farle perdere i sensi.

Leone, che è stato rinchiuso in carcere, risponde di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce aggravate. Ad ammanettarlo sono stati i carabinieri della stazione locale, avvisati dai vicini, ai quali l’anziana si è disperatamente rivolta per chiedere aiuto, una volta riuscita a sottrarsi alle forti mani del figlio e fuggire letteralmente da casa.

I militari, ricostruendo i fatti, hanno così scoperto che l’episodio avvenuto ieri sera sarebbe solo l’ultimo in ordine di tempo di una lunga serie. Ieri, però, s’è forse sfiorato perfino il peggio, quando, rincasando, Leone ha inaugurato l’ennesima lite con la madre, sfociata in un’aggressione vera e propria.

Futili e non del tutto chiari i motivi all’origine. Tant’è: l’82enne sarebbe stata assalita mentre si trovava seduta sul divano. Afferrato un panno da cucina, Leone avrebbe perfino cercato di farla svenire, minacciandola nel frattempo di ucciderla. L’anziana, tuttavia, ha resistito con tutte le sue forze, e, divincolandosi, avrebbe tentato una prima volta di allontanarsi, per essere di nuovo acciuffata dal figlio.

Il 52enne, a quel punto, le avrebbe messo di nuovo le mani davanti alla bocca, tentando di non farla urlare proprio per evitare che il vicinato si preoccupasse, e così facendo, arrivando a scaraventarla per terra, raggiungendo così il suo obiettivo: farle perdere i sensi.

LEONE Salvatore-2Pochi minuti dopo, però, l’anziana vedova è riuscita a riprendersi e, approfittando della distrazione del figlio, convinto ormai di aver messo fine alla storia, a sgattaiolare verso l’esterno e rifugiarsi dai vicini, che hanno immediatamente composto il 112, consci dell’estrema gravità dell’episodio.

E mentre l’anziana è stata visitata dalla guardia medica, che l’ha riscontrata affetta da un forte stato ansioso, i carabinieri hanno avvisato il pm di turno, riferendo i fatti.

Annuncio promozionale

Leone, così, è stato condotto in una cella del carcere di Borgo San Nicola, a Lecce. La povera madre, riservandosi la facoltà di recarsi appena possibile presso una struttura sanitaria per un controllo più approfondito, sarà ora seguita con attenzione. Saranno, infatti, assunti provvedimenti per una sua completa tutela.

Ruffano
aggressioni

4 Commenti

Feed
  • Avatar di antonio

    antonio Da premettere che il gesto e da condannare, ma è stata solo una banale lite tra madre e figlio un pò accesa , gonfiata dai media come al solito , infatti salvatore leone è a casa libero .

    martedì, 25 marzo
    • Avatar di roccu

      roccu ....a Matonna e Santu Roccu cu pensane per dra cristiana!

      venerdì, 28 marzo
  • Avatar di roccu

    roccu .....ma ci campi a fare?

    martedì, 25 marzo
  • Avatar di Speedfly Speedfly^

    Speedfly Speedfly^ Forse saro' assolutista, forse sara' il continuo leggere di notizie sulla malvagita' di alcuni essere umani(chiamarli umani è un'eufemismo) ,ma a questo turpe individuo spero solo che qualche ergastolano in cella, gli renda pan per focaccia.Magari lo trovano "suicidato"....per il rimorso.
    Forte con i deboli(82 anni....) e debole con i forti! meriterebbe un....suicidio "assistito"!

    martedì, 25 marzo