A distanza di un anno tre vetture di una famiglia di nuovo date alle fiamme

E' successo in via Libertà attorno all'1,40. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco per contenere il rogo e i carabinieri per le indagini

SALICE SALENTINO – Un copione che si ripete a distanza di un anno e un mese esatto. Stessa via, stessi componenti di un’unica famiglia, ancora tre autovetture in fiamme. L’unica di cui questa mattina rimane in piedi una sagoma, un’Opel Zafira. Altri due veicoli, devastati dal fuoco e praticamente distrutti. Sono una Renault Megane e una Lancia Y.

Fiamme dolose, ancora una volta, che sono state accese all’improvviso attorno all’una e 40 di notte nel cuore di Salice Salentino, in via Libertà, all’angolo con via 8 Marzo. I veicoli, di un 40enne commerciante e di altri due suoi parenti, erano posteggiati uno accanto all’altro e ben presto il fuoco s’è fatto strada provocando danni ingenti.

E, considerando che via Libertà è piuttosto stretta, e le vetture vengono a trovarsi  addossate alle abitazioni, ne hanno risentito anche alcune di queste, con pareti esterne annerite fino al tetto (a dimostrazione di quanto alte siano state le fiamme) e la persiana di legno che copre una porta quasi del tutto a pezzi.

Diverse le telefonate al 115. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, che hanno potuto solo evitare l’ulteriore propagarsi delle fiamme. Rispetto all’anno scorso, questa volta non sono stati colpiti di riflesso anche veicoli di vicini di casa delle vittime di questa sequela di atti intimidatori, dal movente ignoto. Le indagini sono in mano ai carabineri della stazone locale e del Norm della compagnia di Campi Salentina. L'area non risulta videosorvegliata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Chiedono soldi per la festa patronale, esprime il suo "no" a mano armata

Torna su
LeccePrima è in caricamento