Salta in aria un pezzo del lungomare di Gallipoli. "Incivili": l'indignazione dei cittadini

Lo scempio immortalato su una pagina Facebook. I gallipolini danno la colpa all'esposione di alcuni petardi. Il Comune: "Cercheremo e puniremo i responsabili"

In foto: il danno sul lungomare di Gallipoli

GALLIPOLI – Uno spettacolo poco edificante, quello che si può ammirare sul lungomare Galileo Galilei di Gallipoli.

Questa mattina i residenti della città bella si sono accorti, con sgomento, che un pezzo della lunga seduta che fiancheggia il mare era completamente distrutto.

Saltato in aria e danneggiato da persone a dir poco incivili e per motivi incomprensibili. Qualcuno, a quanto pare, avrebbe deliberatamente deciso di rompere un pezzo del sedile, sbriciolando il muretto che risulta sgretolato in un angolo, con i mattoni finiti rovinosamente per terra.

Alcuni cittadini hanno ricollegato l'episodio all'analogo danneggiamento di un cestino della carta in piazza Carducci, individuando come causa comune il cattivo e incivile uso dei petardi che si sparano a ripetizione nella città bella, ben prima della mezzanotte di Capodanno.

Un'usanza discutibile e soprattutto pericolosa, laddove i botti acquistati sono illegali e vengono fatti esplodere senza criterio, in modo imprudente e senza alcuna attenzione all'incolumità delle persone.

Nella città bella parrebbe che qualcuno, quest'anno, si sia addirittura divertito a distruggere un bene pubblico, danneggiando il lungomare così apprezzato dai cittadini e dai turisti che possono godere, da quella posizione, delle meraviglie del mar Ionio.

I gallipolini, davanti allo scempio immortalato nella pagina di un gruppo Facebook, non si sono trattenuti: “Incivili, ignoranti, vandali, selvaggi, dovete pagare il danno”. Questi sono solo alcuni degli epiteti indirizzati agli autori (ancora ignoti) del gesto.

Non è ancora chiaro chi, come e perché abbia deciso di compiere una simile azione. Che sia stato un incidente? Oppure il danneggiamento è dovuto veramente all'esplosione di uno o più petardi?

Il Comune di Gallipoli, intanto, ha fatto sapere di avere tutta l'intenzione di individuare e punire i colpevoli. E, riguardo alla richiesta di installare delle telecamere nei punti sensibili della città, fa sapere che il sistema di videosorveglianza è già attivo nel centro storico. E si è rivelato utile in diverse occasioni.

Inoltre è già partito un progetto per l'installazione di telecamere anche nella parte nuova di Gallipoli che dovrebbero essere attive e funzionanti nel giro di pochi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento