Tragedia a San Foca: muore in mare nel primo giorno di vacanza

Guido Barbieri, 70enne di Mantova, era nella marina di Melendugno con la moglie. Una turista l'ha riportato a riva, poi i soccorsi. Ma è stato tutto vano

Il luogo della tragedia.

SAN FOCA – Era appena arrivato con la moglie nel Salento. Alloggiava in un b&b di Melendugno. Ma il primo giorno di vacanza di una famiglia di Mantova è terminato in tragedia. Guido Barbieri, 70 anni compiuti da pochi mesi, è morto nonostante interminabili tentativi di rianimazione. Prima quelli di un infermiere romano del 118, in ferie anch’egli, e subito intervenuto; poi, del personale locale del 118 mare e dell’automedica. Alle 13 circa è stato dichiarato il decesso.

La tragedia vicino all'ex Regina Pacis

Barbieri e la moglie si erano recati questa mattina a San Foca, per un bagno in mare, proprio nel tratto finale della marina di Melendugno, nei pressi dell’ex “Regina Pacis” lo stabile in passato impiegato come centro per i migranti. Erano in tanti, questa mattina, in quella zona. Nelle vicinanze, presso il lido “Li Marangi”, era infatti in svolgimento una manifestazione: si stavano liberando verso il mare alcune tartarughe curate presso il Museo di Calimera. Ma il clima festoso è stato interrotto verso le 11,30, quando, dalla riva, più di qualcuno s’è accorto di un uomo da troppo tempo immobile, con il volto affondato nell’acqua, e ha iniziato a sbracciarsi per richiamare l’attenzione.

Una turista l'ha riportato a riva

Una ragazza svizzera, che stava assistendo alla liberazione delle tartarughe, non ci ha pensato un istante e s’è lanciata a nuoto in direzione di quell’uomo, riportandolo a riva, proprio nei pressi dell’ex “Regina Pacis”. Lì, nel frattempo, sono arrivati sia l’infermiere romano, con altre persone pronte a prestare soccorso, sia i militari della guardia costiera di San Foca, che stavano presidiando la manifestazione. Sono iniziate così le prime manovre per cercare di rianimare l’uomo, mentre nel frattempo è giunto anche il personale del 118. Per molto tempo si è tentato di operare con massaggi cardiaci e defibrillatore, ma, purtroppo, non c’è stato niente da fare.

Il corpo, su disposizione del magistrato di turno, è stato trasferito presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Si presume che Barbieri sia stato colto da un malore improvviso, seguito dall’annegamento. Ma probabilmente saranno disposti accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

  • Attende una donna conosciuta online, si ritrova i rapinatori in casa: denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento