Epifania di sangue. Furgone dei dolci torna da fiera, agguato per rapina: due feriti gravi

Tutto è avvenuto poco dopo dopo mezzanotte a San Pietro in Lama. I due uomini, proprietario e dipendente di una ditta, stavano parcheggiando il mezzo con il suo carico, quando è sbucato l'individuo appostato nei pressi del garage. Voleva i soldi incassati ed ha fatto subito fuoco. Sul posto i carabinieri della compagnia di Lecce

Il luogo dell'accaduto

SAN PIETRO IN LAMA – Due colpi di pistola al torace lo hanno lasciato vivo per miracolo. Un altro esploso al collega, all’altezza della gamba. E’ il bilancio di un agguato e di un momento di follia, avvenuto poco dopo la mezzanotte, a San Pietro in Lama. Due commercianti di dolciumi, proprietario e dipendente, sono rimasti feriti in una violenta rapina da parte di un individuo, che potrebbe aver agito con ogni probabilità assieme a un  complice. I feriti, peraltro stretti da un legame di parentela  in quanto cognati, sono Patrizio Cappa, di 50 anni, e di Massimo Nestola di 41 anni, il primo di San Pietro in Lama, l'altro di Leverano.

Tutto è accaduto in via Caduti della Strage di Capaci, quando il malvivente armato ha atteso che i due commercianti tornassero col furgone verso il garage, dopo essere stati per lavoro a una fiera, quella di Maglie. Pochi secondi ed è accaduto il finimondo. E’ entrato all’interno del giardino, e raggiunti i due malcapitati ha cominciato a urlare: “Dammi l’incasso, dammi l’incasso”.

A nulla è valso il timido tentativo del titolare del furgone  di far desistere il rapinatore. Quest’ultimo ha esploso i colpi: uno ha raggiunto proprio il titolare del camion: il proiettile, il cui calibro è ancora in fase di accertamento, ha perforato la gamba, attraversandola. E’ stato accompagnato successivamente presso il pronto soccorso dell’ospedale “vito Fazzi”, dove i medici gli hanno riscontrato una frattura al perone. Ora è ricoverato nel reparto di Ortopedia, e tenuto sotto osservazione.IMG_8075-2

Più gravi, invece, le condizioni del dipendente: quest’ultimo è stato invece raggiunto da due colpi. Entrambi lo hanno centrato al petto: è vivo per miracolo. Le lesioni procurategli dal malvivente, infatti, hanno danneggiato anche gli organi interni. Ora è sotto monitoraggio presso il reparto di Chirurgia toracica dell’ospedale del capoluogo salentino.

Sul posto, oltre agli operatori del 118, anche i carabinieri di San Pietro in Lama e della compagnia di Lecce guidati dal maggiore Pasquale Carnevale, e i colleghi della scientifica, diretti dal luogotenente Vito Angelelli. Le indagini, alle quali prendono parte anche i militari del Reparto operativo, diretto dal colonnello Saverio Lombardi, sono state avviate negli istanti successivi all’accaduto. Gli inquirenti stanno lavorando incessantemente dalla notte, per risalire all'autore dell'episodio.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (39)

  • Ma io mi chiedo ca come mai non capita mai ad un politico una discrazia del genere basta basta basta cambiate le leggi politici assassini

  • Ma i soldi li ha presi o no?

  • SAN PIETRO in LAMA è diventato un paese morto,considerato anche il " DORMITORIO DI LECCE"!! Si salvi chi può!

  • Basta soldi contantiiii

  • Fatti di cronaca che , puntualmente, scatenano tanti commenti, confermano l'insofferenza per leggi e magistratura non al passo con i tempi. Arrivare ad uccidere, non è successo per pura fortuna, per qualche centinaio di euro è l'esatto valore che questi delinquenti danno alla vita umana. Non associate il solo Salento a questi crimini è un fenomeno di tutta Italia. Di riforme sulla giustizia i nostri governi non ne sentono la necessità, quando le gabbie si riempiono, le aprono e fanno posto a nuovi inquilini. La delinquenza ci sarà sempre, lo sappiamo, quello che si chiede sono pene certe senza sconti e lavoro in carcere, in modo che la "retta" se la paghino da soli e non venga corrisposta dalla collettività compresi i familiari delle vittime.

  • La cura? Giustizia sommaria fai~da~te. Solo così questi farabutti parassiti e feccia della società ci penserebbero due volte prima di commettere queste azioni sconsiderate. Oppure assicurarli alle patrie galere, ma non per fare la vacanza, ma per renderli utili alla collettività e cioè mettendoli ai lavori forzati (pesanti) , tanto già li paghiamo ...almeno la pagnotta se la guadagnano con il sudore della fronte. COSTITUISCITI VERME!

    • scusami ...ma io pago le tasse, tutte e penso di vivere in uno stato di diritto e quindi per quale motivo devo difendermi da solo?, perchè devo spendere soldi per difendermi? perché devo vestirmi da rambo?...scusa la polizia che deve fare allora? i carabinieri che devono fare? se mi difendo da solo che senso ha avere 6 o 7 corpi di polizia? e lo stato che deve tutelarmi, che deve consentirmi di vivere in maniera sicura e tranquilla.

      • la giustizia fai da te è la classica risposta populista di politicanti alla Salvini che pur avendo responsabilità politiche da decenni non sono riusciti a fare un beneamato nulla per questo Paese e adesso vogliono scaricare su noi cittadini i costi e la responsabilità della sicurezza, con la conseguenza di scatenare il far west....

        • Bravo Cosimo!

  • territorio abbandonato dalle menti eccelse giovanili e ormai consegnato alla delinquenza "mendulara"

  • ennesimo episodio mafioso....gli unici a non accorgersene sono politici, prefetto e questore che vivono beatamente le loro vacanze natalizie.

  • Miserabile rapinatore assassino lascia innpace la gente che lavora. Idiota e rifiuto della società.

  • fra pochi giorni a Novoli si accende la focora piu' grande d'europa....se riescono a beccarlo prima magari lo si puo' mettere all'interno...tanto non se ne accorgerebbe nessuno....MARCI...

  • Piena solidarietà ai due commercianti vittime di questa vile e crudele aggressione, con l'augurio che possano riprendersi quanto prima. Naturalmente l'auspicio è quello di vedere assicurati alla giustizia i responsabili di questo efferato delitto, con la speranza che vengano poi condannati a pene esemplari da scontare in carcere.

  • Come per i bancomat rubati anche questo non avrà risvolti ,ragazzi piano in s guerra .Salento capitale 2099

  • Stavo giusto rigiocando "red dead redemption". Oh, non sarebbe il caso di chiamare Obama, visto che si vuole liberare di tutte quelle armi?

  • ...e come sempre,tutto finirà a tarallucci e vino...

  • Speriamo che entrambe le vittime di questa feroce rapina migliorino in fretta e bene. Altresì spero che non si dia la colpa di tutto alla mancanza di lavoro. In ultimo, spero che il responsabile di tutto ciò sia catturato ed assicurato alla giustizia e che la sua pena sia commisurata a ciò che ha fatto!

    • Lei vive tra le nuvole....si è mai vista in Italia una pena commisurata al reato? Ammesso che sia preso e condannato a 10 anni, con le nostre leggi dopo 1 anno ,( anche meno),sara' fuori, ne detraggono 3 per l'indulto e diventano 9, tra buone condotte e balzelli vari dettati dagli avvocati, finira' che il commerciante ferito dovra' risarcire il delinquente per non essersi fatto rapinare!!!

      • Cos'è, non sapeva cosa scrivere? La mia, era una speranza a che le cose cambino!!! Ed ora spero che non concluda dicendo che chi di speranza vive....

        • Finché si continuerà a votare PD grazie al cui fondamentale contributo di questo governo oramai la giustizia penale italiana e' una farsa non cambierà nulla....

        • Ha dato proprio la conferma semmai ci fosse stato un dubbio....Lei vive davvero tra le nuvole!!!

  • Commenti? uno solo,eliminarli fisicamente nel silenzio più assoluto stop,ormai siamo al colmo, e basta non se ne può più,siamo ormai nelle mani della delinquenza più becera,chi ruba. chi spaccia,ogni giorno la delinquenza fa salti di qualità non si fermano di fronte a niente perché nessuno le fa niente, e ormai dilagante,la gente e stufa ogni giorno aprire e leggere sempre fatti di cronaca nera e basta,le forze dell'ordine impotenti oggi li prendono e domani per strada che li sbeffeggiano perché il giudice di turno lo lascia andare,immigrati senza dimora con cosa vivono o spaccio,o rapine,o furti nelle case e sempre armati non esitano a sparare anche per pochi spiccioli,ora speriamo che queste ennesime vittime possano superare e tornare alla loro vita che un delinquente ha cercato di fermare,e fortunatamente non per sempre.

    • ...............Visto che il punto non esiste, sulla tua tastiera, te ne regalo un pò da utilizzare nel prossimo commento. Ci hai lasciati in apnea per dieci righi!

    • Immigrati che non hanno nemmeno un tetto sopra la testa, ma in compenso hanno tutti un ferro nella cintura! Vorrei sapere dove le senti queste barzellette. PS: Dovresti armarti anche tu, ma di un buon testo di grammatica. Stai massacrando la lingua italiana peggio di un immigrato appena giunto in Italia...

    • immigrati.....

  • spero che guariranno presto queste poveri lavoratori

  • Welcome far west Salento.Terra di rapine omicidi estorsioni corruzione bombe sparatorie ecc ecc ecc ecc

    • ecc ecc è vero hai ragione ma queste cose accadono OVUNQUE. non solo qui. Non è una consolazione ma è proprio il mondo che sta peggiorando.

  • Il mio augurio che tutto possa risolversi per il meglio e pena di morte per questi criminali... Ma finirà tutto come al solito, cioè che le forze dell'ordine faranno il proprio dovere in maniera impeccabile e qualche magistrato lo condannerà a qualche settimana di domiciliari...

    • Ringrazi la maggioranza parlamentare e questo governo PD che hanno adottato le leggi che i magistrati si limitano ad aplicare

      • Ringrazi soprattutto la Destra, che ha costretto questo Governo a prendere misure d'urgenza contro il sovraffollamento delle carceri italiane, per il quale stiamo anche pagando ingenti sanzioni e risarcimenti...

  • Penso che sia ora di ripulire l Italia da questi vigliacchi

  • Ma questi commercianti non potevano munirsi di un'arma da tenere in furgone?

    • Cosa dici ? Consigli un arma a centinaia di migliaia di lavoratori che sono nelle loro condizioni ? Commerciano dolci, non hanno un'oreficeria.

  • Prendetelo. E poi dategli i domiciliari...... Che Italia di m....

  • Mai come adesso abbiamo raggiunto il Record di rapine, furti e aggressioni nel Salento. Onesti lavoratori aggrediti e feriti gravemente dopo una dura giornata trascorsa all'aperto, da delinquenti che non solo non hanno voglia di fare un tubo, ma che vogliono privare chi invece lavora del proprio guadagno. E per fronteggiare questa emergenza che si fa? Denunce a piede libero senza carcere, tolleranza e comprensione per i "poveretti che delinquono" è un sistema giudiziario che fa acqua, con mille cavilli per chi difende questa gentaglia e mille ostacoli e laccioli per chi li dovrebbe assicurare alla giustizia. Questa nazione è diventata un incubo per gli onesti e un magnifico terreno di caccia per banditi e malfattori.

    • se ti sente renzi te ccite

Notizie di oggi

  • Sport

    Il Lecce vince 3 a 0 a Messina e si rilancia: doppietta di Caturano

  • Cronaca

    Molestato dal suo ex, un incubo finito con l'arrivo di una volante

  • Cronaca

    Truffa e infedele patrocino, chiesti otto anni per l'ex avvocato Cardigliano

  • Cronaca

    "Spaccate" seriali, alla sbarra finisce la banda delle slot incubo dei bar

I più letti della settimana

  • Pomeriggio di sangue sulle strade salentine, muore un giovane motociclista

  • Tragico schianto contro una recinzione sulla via del ritorno: muore un 22enne

  • Marijuana a quintali, un Ak 47 pronto all'uso ed eroina: cinque in arresto

  • Aereo ultraleggero cade vicino all'impianto "Lepore": due incastrati

  • Calcinacci dal sottopasso di Piazzale Rudiae: la città completamente paralizzata

  • Scontro fra Suv e Ape, 63enne in codice rosso al "Vito Fazzi"

Torna su
LeccePrima è in caricamento