Piccola barca con migranti intercettata al largo della costa dai finanzieri

Secondo episodio in poche ore dopo il naufragio di Porto Miggiano. Il gruppo, nove giovani curdi, condotto nel porto di Otranto

OTRANTO – A distanza di poche ore dal naufragio di una barca a vela sulla scogliera di Porto Miggiano, un pattugliatore del Reparto operativo navale della guardia di finanza ha intercettato, al largo di  Santa Cesarea Terme, una piccola imbarcazione con migranti. A bordo erano in nove.

I finanzieri hanno fermato il natante e ne hanno preso possesso. L’hanno così condotto verso il porto di Otranto. Ad attendere il gruppetto, sul molo, c’erano gli operatori della Croce rossa di Lecce. Si tratta, presumibilmente, anche in questo caso di curdi, così come già successo nelle ore precedenti, tutti fra i 22 e i 30 anni. Lo stesso giovane alla conduzione potrebbe non essere il classico scafista, ma un migrante a sua volta, al quale è stato affidato il timone con partenza, probabilmente, da qualche isola greca.

E’ stato comunque trattenuto dalle forze dell’odine per essere ascoltato. Gli altri, invece, tutti in buone condizioni di salute, sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto. Questo sbarco spontaneo di migranti provenienti dall’area del Vicino Oriente (fenomeno che, nel quasi totale silenzio dei media nazionali, si verifica ininterrottamente nel Salento da ormai oltre dieci anni), segue di appena un giorno il pericoloso sbarco di Porto Miggiano, dove l’intervento dei carabinieri, già in zona per altri controlli, ha permesso  di stringere le manette ai polsi di uno scafista turco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La barca sulla quale trasportava diciassette curdi, fra cui donne e minori, si è andata a schiantare contro alcuni scogli, rimanendo incagliata. Nel pomeriggio di oggi, invece, i finanzieri hanno intercettato la barca prima che l’approdo sulle coste avvenisse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Fermato per strada trema davanti ai carabinieri. In casa aveva marijuana

Torna su
LeccePrima è in caricamento