Migranti lasciati sull'Isola di Sant'Andrea, scafisti in fuga con la barca

Guardia costiera e finanzieri hanno rintracciato 47 sedicenti pachistani attorno alle 5 del mattino. Nel gruppo anche dieci minorenni. Caccia ai trafficanti

Foto di repertorio.

GALLIPOLI – L’imbarcazione questa volta è riuscita ad allontanarsi dopo aver scaricato i migranti sul primo pezzo di terra che gli scafisti hanno trovato su loro cammino che fosse sufficientemente vicino alle rive e permettese loro, nello stesso tempo, di non farsi notare troppo. E quando qualcuno si è accorto dalla riva di alcune luci sull’Isola di Sant’Andrea - probabilmente quelle degli smartphone -, proprio di fronte alla città vecchia di Gallipoli, contattando la Capitaneria di porto, ormai i trafficanti dovevano aver preso il largo a velocità sostenuta.  

Sono quarantasette in tutto gli stranieri recuperati poco prima dell’alba di oggi. Dieci i minorenni. Nessuna donna, questa volta, nel gruppo, che deve essere partito da sponde greche o turche, aver circumnavigato il Capo di Leuca, viaggiando in piena notte nell’ultimo tratto, per poi approdare su quello scoglio di una cinquantina di ettari da cui spicca il faro. Qui, sono tutti scesi in fretta e in furia e hanno atteso gli eventi successivi.

L’avvistamento è avvenuto intorno alle 5 del mattino. In direzione dell’isola si sono così dirette le motovedette di guardia costiera e guardia di finanza. I migranti sono stati trasferiti a bordo e condotti presso il porto, dove nel frattempo erano arrivati i mezzi sanitari della Croce rossa e del 118. Gli stranieri dovrebbero essere tutti pachistani, stando a quanto riferito nelle prime fasi. Ma ora inizierà il procedimento di identificazione a opera del pool della Procura.

Nel porto i migranti, tutti in discrete condizioni, hanno ricevuto la prima assistenza, poi sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto. Nel frattempo, le attività sono andate avanti. Le motovedette hanno perlustrato il mare in cerca di imbarcazioni sospette. Per esempio, un veliero come quello che alle prime ore del 23 luglio scorso si è incagliato davanti a Lido Pizzo. Per il momento, però, nulla.

S2400044-2Una cosa ormai è certa. I traffici lungo il Canale d’Otranto e lo Jonio sono ripresi ormai con una certa insistenza. Nel 2018, rotta una sorta di continuità temporale fra un’ondata di migranti e l’altra, ci sono voluti cinque mesi prima di vedere un nuovo approdo nel Salento. Era il 6 maggio quando furono rintracciati una quindicina di migranti, con l’arresto di uno scafista. Da allora, le attività sono ricominciate con gli stessi ritmi degli ultimi anni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (22)

  • ma perché se fosse vero che son turisti ricchi padroni di velieri e con gli smartphone e non dei poveri cristi di migranti dovrebbero fare tanti sacrifici e superare tante traversie per arrivare da noi per fare poi gli spacciatori col rischio di essere linciati dalle ronde nere e razzisti di stampo leghista?

  • Vorrei chiedere poi a Salvini che differenza fa sbarcare Migranti attraverso le ONG o attraverso delle scassate barche a vela, forse le ONG ti danno visibilita' in Europa mentre delle invasioni silenziose che stiamo subendo da circa vent'anni nessuno ne parla piu', sono diventate cosi' di casa nel Salento che non fanno piu' cronaca o sensazione...

  • Siamo il paese piu' tassato d'europa eppure non riusciamo a mettere 4/5 motovedette di ronda a sorvegliare il Canale d'Otranto, la cosa grottesca e' che di notte la Guardia Costiera (almeno a Leuca) non e' in servizio; invece di pagare vitalizi ai politici, mantenere furbetti del cartellino e parassiti di vario genere, impieghiamo i soldi in maniera utile...

  • tutti indietro,ma anche tutti quei abusivi e fuorillegge clandestini che invadono le nostre feste patronali e le nostre localita costiere con le loro merci sia contraffatte e non indisturbati e sicuri che possono vendere quello che vogliono perche per loro la paccha continua e sicura mente continuera senza mai dare un centesimo allo staro italiano ormai da decenni a scapito di noi poveri cristi commercianti italiani che non sappiamo piu come andare avanti .

  • Tutti indietro ,ma achr quellili che invadono

  • E' vergognoso, quasi ogni giorno sbarcano migranti clandestini che non fuggono da nessuna guerra,che spesso dichiarano falsa nazionalità e data di nascita.(falsi richiedenti asilo ed evidenti falsi minori).E guardia costiera, marina, forze dell'ordine e giudici?

  • Quindi, ricapitolando, imbarcazioni sconosciute vanno e vengono violando in continuazione i confini nazionali senza essere scoperte o almeno notate. Complimenti! A quando lo sbarco di qualche unità di terroristi o di commandos di qualche stato a cui stiamo sui cabbasisi che ci faranno saltare in aria un po' di infrastrutture? La guardia costiera e la nostra marina militare, invece di perlustrare a pettine fitto le aree antistanti il continente africano tutte prese dall'ansia di "salvare" tante risorse per poter poi candidarsi all'assegnazione del premio nobel per la pace, dovrebbero tenere d'occhio un po' più attentamente le nostre coste.

  • E' ora di dire BASTA, ma a tutti i livelli. I giornalisti invece di andare in cerca di SPARATORIE nei confronti di Immigrati, perchè non vengono alla BAIA VERDE per vedere quanti NIGERIANI sono in giro per lo spaccio della Droga, ora è di moda dare le notizie a difesa delle persone di colore, come quando nel Calcio basta fare un insulto ad un uomo di colore ti chiudono uno Stadio, se invece l'insulto è riferito ad uno bianco, non se ne parla. E' una VERGOGNA. Io non sono Razzista ma è ora di dire BASTA e Salvini stà facendo bene. E' inutile che l'Opposizione accusa di Fascismo chiunque rivendichi la sua Nazionalità. Io accolgo a casa mia finchè posso poi anch'io dico basta e naturale ed spirito di sopravvivenza che la Natura ci ha dato.

    • Il "servizio" a baia verde lo " possono" fare le forze dell'ordine...mica i giornalisti, che probabilmente sanno già quello che succede. Rimangono giornalisti, non detective... Magari con pistola e distintivo sono pure più bravi...???? Pienamente d'accordo con lei per tutto il resto...

  • Forse bisognerebbe restaurare e riattivare "le torri di avvistamento" che abbiamo disseminate su tutta la costa...

  • migranti con gli smartphone in crociera su un veliero che li sbarca su un' isola, da non crederci

  • Arrivano i turisti !!

  • 0 donne.. strano le avranno lasciate morire nel loro paese devastato da guerre e carestie

  • mi sembra una presa x il c...!!!????...subito indietro Salviniiiiii

  • Rimpatrio immediato ...mica il Pakistan è un paese in guerra ...non sono rifugiati!

  • SALVINI, RIMANDALI indietro tutti e subito.

  • sull'isola poi neanche stessero in villeggiatura ...????

  • Ma bastaaaaaa

  • Ma non era finita la pacchia!? :D :D :D

    • Che c'avrai da ridere?

      • Rido degli stolti che credevano che bastasse dirottare una nave di una ONG per risolvere alla radice il problema dell'immigrazione. Rido del fumo gettato negli occhi di questi stolti. Non rido mica per le disavventure di questi poveri cristi.

        • risolvere alla radice no ma almeno limitare, poveri cristi con gli smartphone

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Cronaca

    Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Politica

    Scintille in centro: solidarietà dalla sinistra, parole dure dalla destra

  • Politica

    Pizzarotti, il dissidente del M5S che ha conquistato Parma punta sull'Europa

I più letti della settimana

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Assalto al furgone portavalori partito da Lecce: esplosi colpi di Kalashnikov

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Perde il controllo, schianto sul muro: muore un uomo di 58 anni

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento