Scala di Furno, falso allarme per la chiazza giallastra: fenomeno naturale

Si era diffusa una certa preoccupazione tra i frequentatori di quel tratto di litorale a Porto Cesareo, ma l'Area marina protetta fa chiarezza

Una veduta di Porto Cesareo.

PORTO CESAREO – Sono state delle semplici alghe a dare una colorazione giallastra nel mare antistante Scala di Furno, a Porto Cesareo.  Nessun inquinamento dunque, ma solo un fenomeno naturale tipico di un periodo caratterizzato dal mare caldo e temperatura elevata dell’acqua.

Lo ha acclarato il campionamento effettuato da Arpa Puglia su richiesta della capitaneria di porto, dopo che si era diffusa un certa preoccupazione tra i bagnanti e i frequentatori di quel tratto di litorale. La chiazza, che comunque non era maleodorante e non presentava materiale in sospensione, era stata generata dalle alghe del genere Gyrodium.

Il chiarimento viene dall’Area marina protetta di Porto Cesareo che ribadisca la piena balneazione della costa che ricade nel suo ambito.

Potrebbe interessarti

  • Concertone Notte Taranta: quaranta brani per una notte senza soste

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Col volto travisato, avvicinano un bimbo: la madre li vede e urla, poi la fuga

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro all’incrocio: 28enne sbalzato dallo scooter muore in ospedale

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

Torna su
LeccePrima è in caricamento