Scalo di Furno, ritrovata bomba da mortaio da 75 millimetri inesplosa

L'ordigno risalente quasi sicuramente alla Seconda guerra mondiale. Oggi è stata fatta brillare dagli artificieri dei carabinieri

PORTO CESAREO – La segnalazione di alcuni passanti risale alla tarda serata di ieri. Erano le 21 quando è arrivata la richiesta ai carabinieri della stazione di Porto Cesareo d’intervenire in località “Scalo di Furno”, a nord del paese, dov’era stata notata la presenza di un ordigno bellico.

In effetti dopo l’intervento, sono stati attivati anche gli artificieri del Nucleo investigativo di Lecce i quali hanno identificato l’ordigno in una bomba da mortaio da 75 millimetri inesplosa. Probabilmente si tratta di un residuo bellico risalente alla Seconda guerra mondiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’area è stata subito bonificata e, oggi, si è proceduto al brillamento. L’oggetto è stato sicuramente sospinto su litorale dalle mareggiate. E non è certo la prima volta che accade. Nel mare salentino sono stati fino a oggi decine i ritrovamenti di bombe e mine inesplosi, provenienti tutti dal conflitto imperversato in Europa dal 1939 al 1945.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento