Scatta una perquisizione in casa, trovato con oltre 160 grammi di cocaina

A distanza di anni, finisce nuovamente nei guai Errico Sinistro, 42enne leccese. I carabinieri hanno trovato anche marijuana

LECCE – A distanza di anni, finisce nuovamente nei guai Errico Sinistro, 42enne leccese. Ad arrestarlo sono stati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Lecce e della stazione di Santa Rosa. E per l’ennesima volta negli ultimi mesi, protagonista è la cocaina. Di polvere bianca, in casa, i militari ne hanno trovata un bel po’.

SINISTRO ENRICO - Copia-2I movimenti di Sinistro erano evidentemente sotto osservazione. E ieri pomeriggio è scattata una perquisizione domiciliare, durante la quale i militari hanno trovato ben 166,60 grammi di cocaina suddivisa in dosi, più 16,9 di marijuana e materiale per il confezionamento. Il tutto finito sotto sequestro. Il 42enne si trova ai domiciliari.

Il nome di Errico Sinistro è associato, fra l’altro, a un particolare episodio che costò una condanna per lui e suo padre. Nel luglio del 2008, mentre era in carcere, il padre gli avrebbe procurato 18 grammi di cocaina. Le indagini su quell’episodio furono portate avanti dalla squadra mobile con il supporto della polizia penitenziaria. Entrambi furono poi condannati  per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento